Condividi questo articolo su:

Assicurazione giapponese avrà il 30% di impiegati-robot

La Fukoku Mutual Life Insurance Co. ha annunciato un piano per la sostituzione di parte del suo organico con tecnologie di intelligenza artificiale, che saranno utilizzate in particolare per determinare i premi assicurativi delle polizze salute
Barbara Bosco

L'arrivo dell'intelligenza artificiale, delle chatbot, dei robo-advisor porterà alla sostituzione di quanto oggi compete al lavoro dei broker, e più in generale dei colletti bianchi delle assicurazioni. E' indubbio, e sottolineato da più parti, che nei prossimi anni il lavoro del broker sarà meno diffuso e si evolverà in qualcosa di diverso da oggi. 

Tra le startup emergenti, molte si dedicano allo sviluppo di sistemi software in grado di sostituire il broker: Clark, per esempio, o l'italiana MioAssicuratore.

Ma intanto le prime avvisaglie di quanto succederà cominciano a scorgersi in Giappone, Paese che affronta il più alto tasso di invecchiamento della popolazione e in cui si prevede che entro il 2035 circa metà dei posti di lavoro saranno rimpiazzati dalla robotica. Non sorprende dunque che sia giapponese la prima compagnia assicurativa che annuncia un taglio così importante della forza lavoro con tecnologie di intelligenza artificiale: si tratta della Fukoku Mutual Life Insurance Co. che sostituirà circa il 30% dell’organico del dipartimento deputato alla valutazione dei pagamenti dei premi assicurativi mediante l’adozione di sistemi e applicazioni di intelligenza artificiale basati sulla piattaforma di cognitive computing Ibm Watson.

Tale sistema si occuperà di raccogliere in modo automatico attraverso la lettura di migliaia di documenti medici, informazioni come durata della degenza ospedaliera, diagnosi, terapie prescritte, procedure chirurgiche, utilizzate per determinare i premi assicurativi. La decisione finale sul premio spetterà comunque a risorse dello staff del dipartimento che oggi conta 131 addetti.

L’introduzione del sistema permetterà di creare efficienze nei processi interni tali da consentire, a partire da marzo, una riduzione dello staff di 34 dipendenti selezionati da un pool di 47 lavoratori con contratto in scadenza. A fronte di una spesa di circa 1,5 milioni di euro per l’implementazione del sistema e circa 120.000 euro annui per la manutenzione del sistema, la compagnia assicurativa risparmierà circa 1,2 milioni di dollari l’anno.

Leggi di più nell'articolo originale su CorCom.

 

 


05 Gennaio 2017

Le più lette

Cyberbullismo, un rischio tecnologico da cui difendersi con la tecnologia

Sempre più alto l'allarme per l'aumento dei casi di bullismo in rete, mentre in Parlamento una legge ad hoc attende di essere approvata. Emerge un bisogno di protezione verso questo nuovo rischio, che anche i big data analytics possono contribuire ad affrontare Leggi tutto >>

Dematerializzazione nelle assicurazioni, dal contrassegno alla blockchain

La scomparsa del tagliando di carta sui parabrezza delle auto è solo l'inizio. Il futuro riserva ancora molto altro, dalle polizze mobile first alle micro-assicurazioni fino alla "catena di blocchi" Leggi tutto >>
Generic placeholder thumbnail

Scenari

Cyberbullismo, un rischio tecnologico da cui difendersi con la tecnologia

Sempre più alto l'allarme per l'aumento dei casi di bullismo in rete, mentre in Parlamento una legge ad hoc attende di essere approvata. Emerge un bisogno di protezione verso questo nuovo rischio, che anche i big data analytics possono contribuire ad affrontare

Leggi tutto >>

Generic placeholder thumbnail

Scenari

Dematerializzazione nelle assicurazioni, dal contrassegno alla blockchain

La scomparsa del tagliando di carta sui parabrezza delle auto è solo l'inizio. Il futuro riserva ancora molto altro, dalle polizze mobile first alle micro-assicurazioni fino alla "catena di blocchi"

Leggi tutto >>