Condividi questo articolo su:

BNP Paribas, 3 miliardi per accelerare la digitalizzazione

Il colosso francese, tra i primi 5 gruppi bancari europei, annuncia i piani d'investimento dei prossimi tre anni, che prevedono una forte impegno sul fronte dell'innovazione. Obiettivo: cambiare il modello di business per affrontare le nuove domande dei clienti
Barbara Bosco

"Sempre più clienti vogliono effettuare operazioni online invece che di persona, dobbiamo essere pronti". Questo il messaggio semplice ma inequivocabile affidato al Financial Times dal CEO di BNP Paribas Jean-Laurent Bonnafé, in occasione della presentazione dei dati di chiusura di esercizio 2016 e del piano strategico di investimenti 2017-2020. 

Come riporta questo articolo di EconomyUp, si tratta di un piano che prevede investimenti per 3 miliardi di dollari in tecnologie digitali, con l’obiettivo di trasformare il business della banca e di renderlo quindi sempre più coerente con le esigenze della clientela odierna, che preferisce certamente sbrigare le proprie ordinarie operazioni con sistemi digitali, veloci, sempre aperti, efficenti. 

Una scelta anche dolorosa, da un punto di vista "occupazionale", perché l’incremento degli investimenti nel comparto digitale da parte di Bnp Paribas, comporterà la chiusura di numerose filiali in tutto il mondo. "Siamo all’interno di un sistema che non è in grado di creare lavoro – spiega ancora Bonnafé – e sta vivendo una profonda trasformazione. Le professioni stanno cambiando sia nel settore del retail banking che in quello dell’investment banking. La grande sfida per noi è lavorare insieme a persone che sappiano gestire la portata di tale trasformazione”. 

Il processo di trasformazione digitale di uno dei primi 5 gruppi bancari europei è in realtà già iniziato da qualche anno e per quanto riguarda la divisione "assicurazioni" abbiamo anche avuto modo di raccontarlo spesso sul nostro portale che ha preso vita proprio grazie alla collaborazione con BNP Paribas Cardif, la società assicurativa italiana del Gruppo, in parallelo al lancio del contest Open-F@b Call4Ideas, che nelle sue tre edizioni ha promosso la ricerca di startup e progetti tech in ambito insurance, migliorando costantemente il numero dei partecipanti e la qualità dei progetti.

- Qui una sintesi e i vincitori dell'ultima edizione del contest conclusosi lo scorso novembre.

- Qui un'intervista video a Thibaut Schlaeppi, Head of Startup Relations & Internet of Things di BNP Paribas Cardif 

 

Qui di seguito un'intervista a Isabella Fumagalli, AD BNP Paribas Cardif, sulle opportunità offerte alle assicurazioni dal digitale e sulle iniziative di R&D e open innovation portate avanti dalla compagnia.


08 Febbraio 2017

Le più lette

Cyberbullismo, ecco le "protezioni" che ora garantisce la legge

Anche in Italia le violenze digitali sono entrate nell'ordinamento giuridico. Dall'oscuramento dei contenuti illegali alla formazione a scuola, dall'intervento del Questore al monitoraggio di Palazzo Chigi, il testo approvato alla Camera risponde a un bisogno che ha visto nascere anche diverse startup Leggi tutto >>

Auto autonoma, in UK è un business di Stato

Il governo ha fatto della ricerca sulle automobili senza conducente un pilastro della sua strategia industriale, per garantire al Regno Unito una leadership in questa nuova tecnologia. Svariati milioni di sterline sul piatto, tra gli ultimi progetti finanziati i test per le flotte che sostituiranno i trasporti pubblici Leggi tutto >>
Generic placeholder thumbnail

Scenari

Cyberbullismo, ecco le "protezioni" che ora garantisce la legge

Anche in Italia le violenze digitali sono entrate nell'ordinamento giuridico. Dall'oscuramento dei contenuti illegali alla formazione a scuola, dall'intervento del Questore al monitoraggio di Palazzo Chigi, il testo approvato alla Camera risponde a un bisogno che ha visto nascere anche diverse startup

Leggi tutto >>

Generic placeholder thumbnail

Scenari

Auto autonoma, in UK è un business di Stato

Il governo ha fatto della ricerca sulle automobili senza conducente un pilastro della sua strategia industriale, per garantire al Regno Unito una leadership in questa nuova tecnologia. Svariati milioni di sterline sul piatto, tra gli ultimi progetti finanziati i test per le flotte che sostituiranno i trasporti pubblici

Leggi tutto >>