Condividi questo articolo su:

BNP Paribas International Hackathon 2016, tra i vincitori le italiane Almonds e Together

Il 2 dicembre al “Demo Day” a Parigi si è concluso International Hackathon 2016, con la selezione dei 9 i team vincitori, che ora realizzeranno concretamente la loro idea, affiancati dalle Società del Gruppo BNP Paribas del proprio Paese. Tra di essi anche due startup italiane Almonds e Together
Barbara Bosco

L' International Hackathon del Gruppo BNP Paribas è una startup competition internazionale lanciata due anni fa dal gruppo finanziario e che si svolge in contemporanea mondiale in 8 città: Roma, San Francisco, Londra, Parigi, Bruxelles, Berlino, Varsavia e Istanbul. Una vera e propria “sfida” che nel 2016 ha coinvolto oltre 100 neo imprese hi-tech con l’obiettivo di ideare e sviluppare - insieme a esperti delle Società del Gruppo BNP Paribas – progetti orientati al cliente, per migliorare la customer experience in alcuni ambiti specifici del fintech.

La tappa romana lo scorso 17 giugno si è svolta presso l'acceleratore Luiss EnLabs, e ha visto lapartecipazione di 14 team che hanno sviluppato la propria proposta innovativa sui temi scelti da BNL (“I want to buy a home” e “I need cash now”) e Findomestic (“I want to buy a TV”).  I progetti ritenuti più validi (Almonds, Windmills e All industries) sono stati selezionati per accedere alla seconda fase dell’International Hackathon,  un digital bootcamp di 10 settimane per mettere a punto, con l’assistenza dei mentor, le soluzioni ideate.

Lo scorso 2 dicembre la finale a Parigi ha permesso alle 18 startup selezionate nelle tappe "locali" che hanno partecipato al digital bootcamp, e grazie a questo di affinare l'idea e il progettodi sfidarsi ulteriormente, per poter entrare nel vivo della collaborazione con la Compagnia per la realizzazione del progetto. 

A Parigi, durante il Demo Day, un comitato di valutazione composto da dirigenti di BNP Paribas ha individuato 9 iniziative che utilizzano Analytics, Crowdfunding e Robo-Advisoring per migliorare la customer experience dei clienti, tra di esse anche due startup italiane:

           Almonds per un’app attraverso la quale è possibile gestire tutta la documentazione necessaria al corredo istruttorio per i finanziamenti dedicati alle PMI.I documenti saranno facilmente rintracciabili grazie ad un indicatore semantico, migliorando così le interazioni tra la Banca, i clienti PMI ed i commercialisti.

Qui un momento della premiazione, pubblicato su twitter dove l'hashtag #internationalhackathon è stato molto seguito e partecipato.

           Together  (di Windmills) per l’ideazione di un portale attraverso il quale si possono coinvolgere familiari e amici per ottenere e garantire il capitale necessario all’acquisto della casa. Qui il momento esatto della loro premiazione e in basso un'immagine del team dopo la premiazione.

Si apre ora la fase più interessante per le startup: lavorare nei prossimi mesi con i team BNP Paribas delle diverse nazioni coinvolte (in Italian BNP Paribas Cardif) per trasformare il prototipo in una soluzione reale per il mercato. 

windmill-together

 

 

 

 

 

Le più lette

5 startup insurtech peer-to-peer da tenere d'occhio

I modelli di sharing tra pari sono emersi prima nel settore dei prestiti, entrando nel territorio dele banche. Ora si affacciano anche nel settore assicurativo e con un certo successo, come dimostrano le storie di queste nuove imprese internazionali Leggi tutto >>

Cuvva, da una startup la polizza auto che attivi solo quando serve

La società scozzese, che ha già raccolto due milioni di sterline, sta lanciando un prodotto on-demand e personalizzabile: si sottoscrive un abbonamento mensile per il veicolo fermo e tramite un'app si paga l'uso solo per il tempo che si prevede di guidare. Una possibilità che riduce i costi e va incontro ai nuovi modelli di mobilità urbana Leggi tutto >>
Generic placeholder thumbnail

Startup

5 startup insurtech peer-to-peer da tenere d'occhio

I modelli di sharing tra pari sono emersi prima nel settore dei prestiti, entrando nel territorio dele banche. Ora si affacciano anche nel settore assicurativo e con un certo successo, come dimostrano le storie di queste nuove imprese internazionali

Leggi tutto >>

Generic placeholder thumbnail

Startup

Cuvva, da una startup la polizza auto che attivi solo quando serve

La società scozzese, che ha già raccolto due milioni di sterline, sta lanciando un prodotto on-demand e personalizzabile: si sottoscrive un abbonamento mensile per il veicolo fermo e tramite un'app si paga l'uso solo per il tempo che si prevede di guidare. Una possibilità che riduce i costi e va incontro ai nuovi modelli di mobilità urbana

Leggi tutto >>