Condividi questo articolo su:

BNP Paribas International Hackathon 2016, tra i vincitori le italiane Almonds e Together

Il 2 dicembre al “Demo Day” a Parigi si è concluso International Hackathon 2016, con la selezione dei 9 i team vincitori, che ora realizzeranno concretamente la loro idea, affiancati dalle Società del Gruppo BNP Paribas del proprio Paese. Tra di essi anche due startup italiane Almonds e Together
Barbara Bosco

L' International Hackathon del Gruppo BNP Paribas è una startup competition internazionale lanciata due anni fa dal gruppo finanziario e che si svolge in contemporanea mondiale in 8 città: Roma, San Francisco, Londra, Parigi, Bruxelles, Berlino, Varsavia e Istanbul. Una vera e propria “sfida” che nel 2016 ha coinvolto oltre 100 neo imprese hi-tech con l’obiettivo di ideare e sviluppare - insieme a esperti delle Società del Gruppo BNP Paribas – progetti orientati al cliente, per migliorare la customer experience in alcuni ambiti specifici del fintech.

La tappa romana lo scorso 17 giugno si è svolta presso l'acceleratore Luiss EnLabs, e ha visto lapartecipazione di 14 team che hanno sviluppato la propria proposta innovativa sui temi scelti da BNL (“I want to buy a home” e “I need cash now”) e Findomestic (“I want to buy a TV”).  I progetti ritenuti più validi (Almonds, Windmills e All industries) sono stati selezionati per accedere alla seconda fase dell’International Hackathon,  un digital bootcamp di 10 settimane per mettere a punto, con l’assistenza dei mentor, le soluzioni ideate.

Lo scorso 2 dicembre la finale a Parigi ha permesso alle 18 startup selezionate nelle tappe "locali" che hanno partecipato al digital bootcamp, e grazie a questo di affinare l'idea e il progettodi sfidarsi ulteriormente, per poter entrare nel vivo della collaborazione con la Compagnia per la realizzazione del progetto. 

A Parigi, durante il Demo Day, un comitato di valutazione composto da dirigenti di BNP Paribas ha individuato 9 iniziative che utilizzano Analytics, Crowdfunding e Robo-Advisoring per migliorare la customer experience dei clienti, tra di esse anche due startup italiane:

           Almonds per un’app attraverso la quale è possibile gestire tutta la documentazione necessaria al corredo istruttorio per i finanziamenti dedicati alle PMI.I documenti saranno facilmente rintracciabili grazie ad un indicatore semantico, migliorando così le interazioni tra la Banca, i clienti PMI ed i commercialisti.

Qui un momento della premiazione, pubblicato su twitter dove l'hashtag #internationalhackathon è stato molto seguito e partecipato.

           Together  (di Windmills) per l’ideazione di un portale attraverso il quale si possono coinvolgere familiari e amici per ottenere e garantire il capitale necessario all’acquisto della casa. Qui il momento esatto della loro premiazione e in basso un'immagine del team dopo la premiazione.

Si apre ora la fase più interessante per le startup: lavorare nei prossimi mesi con i team BNP Paribas delle diverse nazioni coinvolte (in Italian BNP Paribas Cardif) per trasformare il prototipo in una soluzione reale per il mercato. 

windmill-together

 

 

 

 

 


07 Dicembre 2016

Le più lette

Digital360 Awards, tra i premiati c'è un'insurtech

Polizze personalizzate basate sull’analisi dei comportamenti di guida: è quello che propone Air, uno dei progetti premiati nel contest dedicato alla digital transformation. In un video il Ceo Igor Valandro spiega come funziona la piattaforma Leggi tutto >>
Generic placeholder thumbnail

Startup

Digital360 Awards, tra i premiati c'è un'insurtech

Polizze personalizzate basate sull’analisi dei comportamenti di guida: è quello che propone Air, uno dei progetti premiati nel contest dedicato alla digital transformation. In un video il Ceo Igor Valandro spiega come funziona la piattaforma

Leggi tutto >>

Generic placeholder thumbnail

Startup

Kaitiaki, intelligenza artificiale contro cyberbullismo e Blue Whale

Nata a Udine, la startup ha realizzato un'applicazione che monitora automaticamente i modelli comportamentali nei profili social dei figli, rileva anomalie e invia ai genitori segnali di allarme, garantendo la privacy. Una soluzione utile anche contro il macabro gioco on line

Leggi tutto >>