Condividi questo articolo su:

Jetty, ecco come si assicurano oggi case e condomini (in USA)

Bastano due minuti per stipulare una polizza, tutto online. Una startup insurtech di New York prende in considerazione le esigenze assicurative che ruotano intorno alla casa puntando su nuovi prodotti e customer experience
Donatella Cambosu

La missione di Jetty è quella di costruire una compagnia di assicurazioni progettata per soddisfare le esigenze dei moderni consumatori urbani. Fondata da Mike Rudoy e Luke Cohler, la società si è già aggiudicata un primo investimento da 4 milioni di dollari, sufficiente a mettere in moto la macchina, quanto meno per essere già operativa in Pennsylvania, Illinois e Georgia, New Jersey e Florida, con piani di espansione per tutte le offerte durante tutto l'anno.

E' ancora presto per sapere se avrà successo, ma la premessa per un roseo futuro c'è tutta, e anche una partnership con Munich RE. La customer experience proposta da questa giovane società è entusiasmante (qualche minuto per chiudere una polizza), ma non è solo questo: la società ha delineato dei modelli di polizza innovativi.

'Gli abitanti della città sono una demografia molto importante per noi. - ha dichiarato Rudoy, che è anche il Ceo - Siamo abitanti della città. Abbiamo vissuto certi problemi noi stessi per primi. Nel progettare l'azienda, abbiamo pensato che l'industria assicurativa tradizionale non avesse ancora soddisfatto i bisogni assicurativi di questi consumatori '.

I consumatori in questione cui si riferisce il Ceo sono in particolare gli inquilini non proprietari,  i proprietari , i condomini,  per i quali la stipula di coperture assicurative può essere più complicato del normale e non rispondere a una serie di problematiche.

Al momento la startup ha già lanciato quattro prodotti assicurativi per queste tipologie di clienti.

Una è pensata per proprietari di appartamenti e condomini,  offre una copertura (per la casa e tutto quello che c'è dentro, persone comprese) per diversi tipi di 'accidenti' dall'incendio ai ladri, una polizza che può essere personalizzata ulteriormente aggiungendo coperture e assistenze.

Poi ci sono tre prodotti assicurativi distinti per gli affittuari: Jetty Powerups, polizze 'a la carte' che possono essere aggiunte su quella base per ulteriori cose come oggetti di valore, arte, gioielli, biciclette, collezioni di vino, Airbnb,  la copertura per danni a un ospite.  Un altro prodotto è Jetty Passport,  un prodotto di sostituzione del deposito cauzionale, richiesto in genere quando si prende in locazione una casa, molto meno oneroso rispetto al sistema tradizionale.

Il terzo e ultimo prodotto assicurativo è chiamato Passport Lease e fa da garante del contratto di locazione, qualora venga richiesto da chi affitta un soggetto di garanzia. 

Inoltre, Jetty offre una serie di vantaggi extra per i sottoscrittori, fornendo sconti e promozioni su cibo e bevande, articoli e servizi per la casa. 

L'intera esperienza, dalla registrazione iniziale alla richiesta di deposito può essere completata online. 

La startup va ad arricchire l'emergente scena startup dell'insurtech newyorchese che conta già realtà come Oscar e Lemonade


05 Giugno 2017

Le più lette

Coya, l'insurtech che sfida le Compagnie tradizionali

Ha appena raccolto un investimento da 30 milioni di dollari e tra i suoi finanziatori c'è Peter Thiel, il venture capitalist fondatore di Paypal. Con le nuove risorse l'obiettivo è consolidare la propria posizione in Germania ed espandersi in tutta Europa, sfidando i carrier tradizionali Leggi tutto >>

Sharing economy, le startup italiane più finanziate

Da ProntoPro a Mathesia, da Supermercato24 a Scooterino: ecco quali sono state fino a oggi le startup italiane dell'economia della condivisione che hanno incontro maggiormente il favore degli investitori, secondo un report dell'Osservatorio Startup Intelligence del Politecnico di Milano Leggi tutto >>
Generic placeholder thumbnail

Startup

Coya, l'insurtech che sfida le Compagnie tradizionali

Ha appena raccolto un investimento da 30 milioni di dollari e tra i suoi finanziatori c'è Peter Thiel, il venture capitalist fondatore di Paypal. Con le nuove risorse l'obiettivo è consolidare la propria posizione in Germania ed espandersi in tutta Europa, sfidando i carrier tradizionali

Leggi tutto >>

Generic placeholder thumbnail

Startup

Sharing economy, le startup italiane più finanziate

Da ProntoPro a Mathesia, da Supermercato24 a Scooterino: ecco quali sono state fino a oggi le startup italiane dell'economia della condivisione che hanno incontro maggiormente il favore degli investitori, secondo un report dell'Osservatorio Startup Intelligence del Politecnico di Milano

Leggi tutto >>