Condividi questo articolo su:

Micro-assicurazioni nei mercati emergenti, ecco il business dell'insurtech BIMA

Il settore "microinsurance" è in pieno sviluppo e la società svedese BIMA coglie in pieno l'opportunità vendendo polizze su dispositivi mobile nei mercati emergenti: ha già 24 milioni di clienti in Africa, Asia e Sud America grazie a un esercito di agenti
Donatella Cambosu

E' svedese ed è guidata da due giovani manager, Gustavf Agartson (un talento della sostenibilità) e la sua vice Mathilda Strom, la insurtech BIMA che dichiara di aver già conquistato 24 milioni di clienti nei mercati di Asia, Africa e America latina, proponendo micro polizze acquistabili direttamente dal dispositivo mobile in circa 3 minuti. 

Lanciata nel 2010, quando ancora il fenomeno delle startup legate al settore assicurativo non era esploso come oggi, BIMA ha individuato immediatamente un suo preciso servizio, un modello di business e un mercato di riferimento, conquistando la fiducia di diversi investitori che hanno condotto a due sostanziosi round d'investimento pari a oltre 60 milioni di dollari, cifra che colloca la società tra quelle meglio finanziate nel panorama europeo. Tra i suoi investitori: Kinnevik AB, Leapfrog, Millicom Systems.

Il modello di business di BIMA sembra semplice, ma articolato: la società stringe partnership con operatori di telefonia mobile e compagnie di assicurazione, in sostanza fa da ponte tra questi due provider per fornire polizze vita, salute e infortuni tramite telefono cellulare.  I vantaggi emergono per tutti: i provider di servizi mobile rafforzano la propria relazione con i clienti e le assicurazioni aumentano la base clienti in mercati difficili da raggiungere, inoltre la società offre loro la collaborazione sul fronte dello sviluppo del prodotto e della distribuzione attraverso una propria rete di agenti locali "formati": nei mercati di riferimento per BIMA è infatti molto importante creare la "cultura" sull'importanza dell'assicurazione e il contatto umano è sotto questo profilo insostituibile.  

Dal canto loro, i clienti ottengono una certa copertura assicurativa a un costo per loro accessibile: la piattaforma di Mobile- Delivered Insurance della società permette infatti la stipula di una polizza "pay-as-you-go" che trattiene dal credito telefonico dell'utente il pagamento della polizza, che ha una cifra molto bassa rispetto agli standard dei Paesi occidentali: con circa 5 euro si possono avere piani assicurativi per la famiglia della durata di un anno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Paesi dove la maggioranza delle famiglie è a bassissimo reddito, l'accesso a una copertura assicurativa è quanto mai legata alla concreta  possibilità economica. L'alto costo delle polizze è uno dei fattori che BIMA ha individuato come critici per la penetrazione delle assicurazioni, come si legge anche nel loro sito , insieme a un basso livello di conoscenza e di fiducia nei servizi finanziari, e la mancanza di adeguati canali di distribuzione e pagamento.

"Il 93% dei nostri clienti guadagna meno di 10 dollari al giorno, ha dichiarato Mathilda Strom a Business Insider, e di questi il 54% addirittura con meno di 2,50 dollari al giorno. Ma queste persone spesso acquistano ricariche per i loro telefoni cellulari per effettuare chiamate, spesso pagando appena 50 ¢. E' a questo costante, piccolo rivolo di reddito che BIMA attinge". Un'esperienza di acquisto seamless, quindi, perchè la tecnologia Bima è integrata nei servizi del provider telefonico e il costo richiesto per la polizza non è percepito come un esborso in più, dato che attinge al credito "mobile" già pagato dal cliente. 

Con questo sistema oggi BIMA conta 24 milioni di clienti.

Ma non solo: per raggiungere questo risultato, BIMA ha utilizzato un'arma importante, che vista dall'ottica dei Paesi ricchi, in cui l'insurtech si spinge verso la frontiera dell'intelligenza artificiale e quindi dei robo-advisor (gli agenti virtuali che sostituiranno i broker in carne e ossa) sembra quasi obsoleta, ma in realtà è stata la sua carta vincente: formare e far lavorare legioni di agenti assicurativi (circa 3500 finora), che vanno porta a porta a insegnare alle persone i vantaggi dell'avere una copertura assicurativa per se e la famiglia e la fiducia verso un servizio finanziario che, in quei contesti di estrema povertà e mancanza di servizi di base, può davvero fare la differenza tra vivere e morire. 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le più lette

5 startup insurtech peer-to-peer da tenere d'occhio

I modelli di sharing tra pari sono emersi prima nel settore dei prestiti, entrando nel territorio dele banche. Ora si affacciano anche nel settore assicurativo e con un certo successo, come dimostrano le storie di queste nuove imprese internazionali Leggi tutto >>

Cuvva, da una startup la polizza auto che attivi solo quando serve

La società scozzese, che ha già raccolto due milioni di sterline, sta lanciando un prodotto on-demand e personalizzabile: si sottoscrive un abbonamento mensile per il veicolo fermo e tramite un'app si paga l'uso solo per il tempo che si prevede di guidare. Una possibilità che riduce i costi e va incontro ai nuovi modelli di mobilità urbana Leggi tutto >>
Generic placeholder thumbnail

Startup

5 startup insurtech peer-to-peer da tenere d'occhio

I modelli di sharing tra pari sono emersi prima nel settore dei prestiti, entrando nel territorio dele banche. Ora si affacciano anche nel settore assicurativo e con un certo successo, come dimostrano le storie di queste nuove imprese internazionali

Leggi tutto >>

Generic placeholder thumbnail

Startup

Cuvva, da una startup la polizza auto che attivi solo quando serve

La società scozzese, che ha già raccolto due milioni di sterline, sta lanciando un prodotto on-demand e personalizzabile: si sottoscrive un abbonamento mensile per il veicolo fermo e tramite un'app si paga l'uso solo per il tempo che si prevede di guidare. Una possibilità che riduce i costi e va incontro ai nuovi modelli di mobilità urbana

Leggi tutto >>