Condividi questo articolo su:

N26, la prima startup con licenza di operare come banca in tutta Europa

Nata a Berlino, la società punto sul credito mobile-first. Sostenuta da importanti investitori, tra cui il fondatore di Paypal Peter Thiel, ha da poco chiuso un round di investimento da 40milioni di dollari. In programma anche lo sviluppo di prodotti assicurativi
Barbara Bosco

Si chiama Number26, la startup fintech berlinese che ha recentemente ottenuto la licenza per operare come “banca” in tutta Europa. E’ la prima startup fintech ad aver ottenuto una licenza così ampia dalla Federal Financial Supervisory Authority (BaFin) and the European Central Bank, dopo aver ottenuto una prima licenza ad operare in Germania lo scorso anno.

Recentemente ha anche ottenuto un nuovo cospicuo round d’investimento da 40 milioni di dollari che insieme a quelli precedentemente raccolti la porta a quota 50. Tra i suoi principali investitori figura anche Peter Thiel, uno dei fondatori di Paypal.

N26, così è stata recentemente re-brandizzata, ha la missione di tutte le startup fintech: reinventare la banca. Anzi, nelle dichiarazioni rilasciate a TechCrunch da uno dei fondatori e Ceo Valentin Stalf, stanno già lavorando a nuovi prodotti e servizi finanziari tra cui le assicurazioni. Insomma, grandi ambizioni, da banca a tutto tondo nel più completo dei modi, perchè fermarsi ai pagamenti digitali e al money transfer

“Lanceremo un prodotto di investimento già nelle prossime settimane - dice Stalf -  e prevediamo di lanciare prodotti di risparmio, credito e assicurazioni entro i prossimi 6 a 12 mesi. Alcuni di questi  saranno prodotti nativamente della nostra banca, altri saranno frutto di partnership “. 

Tutto questo reinventare la banca ruota, per N26,  intorno al concetto “mobile-first”. Un concetto intorno al quale si addensano soluzioni e speranze di altre startup fintech europee, come Atom Bank e Tandem che hanno già licenza a operare in UK o Mondo che la sta attendendo. Ma è sicuro che la milestone raggiunta da N26 fa da apripista anche alle altre. 

"Questa licenza bancaria è un importante passo avanti per noi che ci permette di cambiare in modo sostenibile la catena del valore nel settore bancario", ha detto  Valentin Stalf a VentureBeat - “Questo ci permetterà di migliorare in modo significativo la diversità del nostro portafoglio prodotti. Per i nostri clienti, questo significa che l'accesso ai migliori prodotti finanziari, proprio sulla app. “

 

 

Le più lette

5 startup insurtech peer-to-peer da tenere d'occhio

I modelli di sharing tra pari sono emersi prima nel settore dei prestiti, entrando nel territorio dele banche. Ora si affacciano anche nel settore assicurativo e con un certo successo, come dimostrano le storie di queste nuove imprese internazionali Leggi tutto >>

Cuvva, da una startup la polizza auto che attivi solo quando serve

La società scozzese, che ha già raccolto due milioni di sterline, sta lanciando un prodotto on-demand e personalizzabile: si sottoscrive un abbonamento mensile per il veicolo fermo e tramite un'app si paga l'uso solo per il tempo che si prevede di guidare. Una possibilità che riduce i costi e va incontro ai nuovi modelli di mobilità urbana Leggi tutto >>
Generic placeholder thumbnail

Startup

5 startup insurtech peer-to-peer da tenere d'occhio

I modelli di sharing tra pari sono emersi prima nel settore dei prestiti, entrando nel territorio dele banche. Ora si affacciano anche nel settore assicurativo e con un certo successo, come dimostrano le storie di queste nuove imprese internazionali

Leggi tutto >>

Generic placeholder thumbnail

Startup

Cuvva, da una startup la polizza auto che attivi solo quando serve

La società scozzese, che ha già raccolto due milioni di sterline, sta lanciando un prodotto on-demand e personalizzabile: si sottoscrive un abbonamento mensile per il veicolo fermo e tramite un'app si paga l'uso solo per il tempo che si prevede di guidare. Una possibilità che riduce i costi e va incontro ai nuovi modelli di mobilità urbana

Leggi tutto >>