Condividi questo articolo su:

Vi presento Clark, il nostro il robot-broker

"Nelle assicurazioni c'è molto spazio per migliorare l'esperienza dei clienti", dice Christopher Oster, co-fondatore della startup insurtech che ha ricevuto un finanziamento di 13,2 milioni di dollari. Vende prodotti di oltre 160 compagnie e punta tutto sullo sviluppo dei propri algoritmi
Barbara Bosco

Clark è stato il primo broker assicurativo digitale della Germania. La startup vende prodotti assicurativi di oltre 160 compagnie e aiuta i clienti a trovare il miglior affare grazie al suo robo-advisor, una sofisticata tecnologia di intelligenza artificiale.

Sicuramente è una delle più interessanti realtà del panorama insurtech in Europa, e recentemente ha annunciato la chiusura di un round d'investimento da 13,2 milioni di dollari che le permetteranno di sviluppare ulteriormente la tecnologia e ampliare il team, ha riferito Christopher Oster, co-fondatore e CEO della startup che ha sede a Berlino, in un'intervista rilasciata a Finsmes

Nella quale ha anche espresso le sue riflessioni rispetto alla necessità di un cambiamento nel settore assicurativo oggi: "la gente è abituata ai servizi mobili come Facebook, WhatsApp e Mobile Banking. C'è un sacco di spazio per migliorare l'esperienza del cliente. Il settore assicurativo ha registrato un po' di ritardo rispetto al settore bancario, il 50% dei conti bancari sono accessibili on-line, ma non vi è alcun motivo per cui la gestione delle assicurazioni on-line non debba raggiungere un livello simile".

E' chiaro che, facendo leva su una tecnologia molto forte (che permette di offrire ai clienti un servizio di verifica e analisi della propria situazione assicurativa  e la proposta automatica e in pochi secondi delle opportunità di ottimizzazione) Clark si orienta sopratutto su una clientela millennial, quella che preferisce i canali digitali. Ma non trascura nemmeno gli altri, perchè su richiesta, gli esperti di assicurazione sono a disposizione per assistere i clienti con domande specifiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa fa Clark?

Clark offre ai suoi clienti un' applicazione smartphone che permette di gestire in modo digitale i contratti di assicurazione. Attraverso una sorta di pannello di controllo, i clienti imparano a conoscere meglio la propria situazione assicurativa, lo "stato di salute",  similmente al modo in cui le applicazioni di fitness informano gli utenti sul loro benessere. I clienti possono migliorare la loro situazione assicurativa con pochi clic. Clark confronta prodotti da più di 160 compagnie di assicurazione per trovare le condizioni migliori per ogni singolo cliente. Alla base dell'applicazione ci sono sofisticati algoritmi di intelligenza artificiale, infatti la società di definisce se stessa come un "insurance robo-advisor".

 

Maggiori informazioni sull'investimento ricevuto da Clark in questo articolo di Techcrunch.

Le più lette

5 startup insurtech peer-to-peer da tenere d'occhio

I modelli di sharing tra pari sono emersi prima nel settore dei prestiti, entrando nel territorio dele banche. Ora si affacciano anche nel settore assicurativo e con un certo successo, come dimostrano le storie di queste nuove imprese internazionali Leggi tutto >>

Cuvva, da una startup la polizza auto che attivi solo quando serve

La società scozzese, che ha già raccolto due milioni di sterline, sta lanciando un prodotto on-demand e personalizzabile: si sottoscrive un abbonamento mensile per il veicolo fermo e tramite un'app si paga l'uso solo per il tempo che si prevede di guidare. Una possibilità che riduce i costi e va incontro ai nuovi modelli di mobilità urbana Leggi tutto >>
Generic placeholder thumbnail

Startup

5 startup insurtech peer-to-peer da tenere d'occhio

I modelli di sharing tra pari sono emersi prima nel settore dei prestiti, entrando nel territorio dele banche. Ora si affacciano anche nel settore assicurativo e con un certo successo, come dimostrano le storie di queste nuove imprese internazionali

Leggi tutto >>

Generic placeholder thumbnail

Startup

Cuvva, da una startup la polizza auto che attivi solo quando serve

La società scozzese, che ha già raccolto due milioni di sterline, sta lanciando un prodotto on-demand e personalizzabile: si sottoscrive un abbonamento mensile per il veicolo fermo e tramite un'app si paga l'uso solo per il tempo che si prevede di guidare. Una possibilità che riduce i costi e va incontro ai nuovi modelli di mobilità urbana

Leggi tutto >>