Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

Business insurtech, previsto il raddoppio del mercato entro il 2023

Digital transformation e concorrenza con le startup hanno imposto alle assicurazioni cambiamenti profondi e la rivoluzione dei propri tradizionali modelli. Ma i benefici sul business cominciano a vedersi: la crescita nei prossimi anni sarà trainata soprattutto da prodotti e servizi più vicini alle esigenze delle persone

06 Dic 2018

Barbara Bosco

Redattore


Il valore del mercato globale dell’InsurTech è stato valutato 532,7 milioni di dollari nel 2018 e si prevede supererà il miliardo di dollari (ovvero raddoppierà, precisamente si parla di 1.119,8 mln $) entro il 2023, con un CAGR del 16,0% nel periodo di previsione 2018-2023.

E’ quanto emerge dal report  “InsurTech Market Forecast up to 2023” di ResearchAndMarkets.com, che affronta in maniera piuttosto dettagliata la crescita del business in ambito insurtech a livello globale e regionale, così come nei diversi segmenti assicurativi.

Il diffondersi di nuove imprese FinTech nel mondo ha imposto a Banche e istituzioni finanziarie di trasformarsi e rivoluzionare  i propri modelli tradizionali di business, di operazione e processi, per rimanere competitive. Anche le Compagnie assicurative, un mercato considerato maturato nella maggior parte dei Paesi, ha cominciato ad affrontare una forte concorrenza, spingendole ad accelerare sulla trasformazione digitale che ha portato anche alla crescita di operazioni di acquisizione di startup, di attivazione di partnership con startup e strumenti di open innovation. Le nuove imprese innovative hanno la tecnologia, che è quello che serve: gli strumenti digitali e analitici hanno introdotto nuovi modelli di business e inciso sulla catena del valore attraverso i broker digitali.

Grazie a nuovi sistemi software, spesso basati su intlligenza artificiale, si semplifica il processo decisionale per i clienti, mentre i software di analisi di Big Data aiutano gli assicuratori a comprendere le esigenze e la domanda del mercato.

Secondo gli analisti di ResearchandMarkets sono proprio questi i principali driver del business in ambito insurtech:

  • Migliore comunicazione con i clienti (
  • Maggiore offerta di prodotti e soluzioni assicurative personalizzate
  • Maggiore adozione di sistemi di automazione

L’insurtech porterà benefici a tutti i rami assicurativi (health insurance, property and casualty insurance, life insurance),  ma probabilmente il ramo Health Insurance registrerà i migliori risultati in termini di sviluppo del business:  si stima che il ramo Property and Casualty deterrà una quota di mercato significativa nel 2018, ma si prevede che l’Health Insurance crescerà ad un CAGR più elevato. Vi è infatti una crescente attenzione rivolta alla riorganizzazione dei sistemi sanitari e a facilitare l’accesso delle persone ai servizi sanitari proprio attraverso una migliore gestione dei sinistri.

Il Nord America è l’area in cui l’InsurTech sta crescendo maggiormente, grazie alla spesa in assicurazioni da parte dei clienti della regione. L’offerta di un’assicurazione flessibile e personalizzata per la salute, la proprietà e altro incoraggia le persone a scegliere tra i piani assicurativi che meglio si adattano alle loro esigenze.

La regione Asia-Pacifico ha un enorme potenziale per i provider assicurativi e si prevede che crescerà ai massimi livelli di CAGR nel periodo di previsione 2018-2023, grazie in particolare alla spinta di alcuni Paesi emergenti e centri finanziari come Hong Kong, Singapore e India. Inoltre, gli assicuratori si stanno concentrando sull’offerta di polizze a basso costo, più accessibili per la massa in questa regione densamente popolata.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Barbara Bosco
Redattore

Giornalista pubblicista e web copywriter, lavora soprattutto per stampa specializzata, web e collabora con agenzie di stampa e di comunicazione.

Articolo 1 di 4