Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

Casa intelligente, entro il 2022 sarà un business da 120 mld di dollari

La GSM Association riporta che l’adozione da parte dei consumatori di prodotti e servizi per la casa intelligente è cresciuta costantemente in tutto il mondo, sebbene ancora si attenda una massiccia adozione. Il mercato europeo varrà 15,30 miliardi di dollari nel giro di tre anni

27 Nov 2017

La smart home è un ambito dell’internet of things tra i più interessanti per il settore assicurativo, trattandosi di tecnologie sempre più efficaci per migliorare la sicurezza e la protezione della casa e dalla famiglia che la abita in un’ottica di ‘preventive insurance’.

Un mercato, però, che come per quello dei werable, ogni anno si predice il boom, ma il vero boom non vi è ancora stato: il trend è certamente di crescita e lo conferma anche questo ultimo report di GSM (GSM Association) insieme con Z-Wave Alliance, dal titolo “Smart home strategies that pay off: Takeaways from examples of early success for telcos and service providers” che riporta una stima, per le entrate derivanti dal mercato globale delle case intelligenti, di 121,73 miliardi di dollari entro il 2022.

Il Nord America detiene la quota maggiore del mercato; e si intravede ancora ampio spazio per un’ulteriore crescita. Gli Stati Uniti hanno registrato una sostanziale crescita anno su anno del numero di case collegate e questo dovrebbe continuare.

L’Europa sta seguendo il Nord America, come anche la regione Asia-Pacifico (APAC), e vedranno una significativa crescita nei prossimi anni, tanto che il mercato europeo delle case intelligenti raggiungerà i 15,28 miliardi di dollari entro il 2020, mentre l’APAC un valore di 9,28 miliardi di dollari, sempre entro il 2020.

Anche in Italia il mercato della smart home è in forte crescita: l’ultimo report disponibile realizzato dall’Osservatorio IOT del Politecnico di Milano, indicava una crescita del 23% dei dispositivi connessi per la casa, con un giro di affari che in Italia ha raggiunto i 185 milioni di euro nel 2016. Un mercato che è una grande opportunità per le compagnie assicurative e le startup (che infatti in Italia detengono il 52% del mercato smart home, qui una lista), ma non solo. Le compagnie assicurative potrebbero addirittura essere il motore per la crescita del mercato smart home, come riporta il white paper di GSM, poichè in ambito mondiale i principali carrier stanno offrendo sconti e personalizzazione dei servizi per i consumatori che utilizzano dispositivi intelligenti come serrature intelligenti, controllo dell’illuminazione, soluzioni con telecamere per la sicurezza e soluzioni per prevenire incidenti domestici come incendi o allagamenti.

In Italia vi è un esempio di come una compagnia assicurativa può cogliere le opportunità offerte dalle tecnologie smart home per innovare la propria proposta di servizi assicurativi arriva da BNP Paribas Cardif (che per alcuni altri progetti d’innovazione ha ricevuto due menzioni speciali nel premio Cerchio d’oro” di AIFIn), che già da alcuni anni propone con le polizze casa anche la soluzione Habit@t Homebox che attraverso un dispositivo connesso e un sistema di telematica integrata e di assistenza sempre disponibile, consente di monitorare la propria casa e ricevere un aiuto tempestivo in caso di pericolo o di riparazioni urgenti.

Articolo 1 di 5