Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

Come funziona (e come vede la strada) una Google car

Il direttore del progetto driverless car di Google ha raccontato al Ted a che punto è lo sviluppo del prototipo. Mostrando filmati esclusivi. Eccoli

15 Set 2015

Chris Urmson è a capo del progetto di Google sulle macchine senza conducente. Ha scelto di parlare al pubblico dei TED Talks per spiegare da quali riflessioni ha preso le mosse e l’approccio che guida il progetto dell’auto del futuro “made in Google”.

Il punto di partenza è che, statisticamente, la parte meno affidabile dell’autoveicolo è il conducente.

“Negli ultimi 130 anni – dice – abbiamo lavorato sulla parte meno affidabile dell’auto, il conducente. Abbiamo reso l’auto più forte. Abbiamo aggiunto cinture e airbag, e, negli ultimi dieci anni, abbiamo cercato di rendere le auto più intelligenti per risolvere il difetto maggiore, il conducente.” Nonostante questo “1,2 milioni di persone muoiono sulle nostre strade ogni anno. Solo in America, 33.000 persone muoiono ogni anno. Per fare un paragone, è come se un 737 cadesse dal cielo ogni giorno lavorativo.”

Il ragionamento di Urmson si spinge fino al paragone tra i due fronti evolutivi dell’auto: l’auto senza conducente e l’auto a guida assistita che, a suo parere, sarà molto utile negli anni a venire che ci separano dalla vera innovazione disruptive, che rimane la driveless car. “E’ come paragonare quanto corro veloce rispetto alla velocità della luce. Non importa quanto mi alleni, non ci arriverò mai.”

Nel video del Urmson condivide dei filmati esclusivi del progetto che mostrano come la macchina veda la strada e prenda autonomamente decisioni su come agire.

Articolo 1 di 3