Il cloud è il futuro del mondo assicurativo: come restare al passo

L’uso delle tecnologie cloud è destinato a diventare sempre più popolare nel mondo delle assicurazioni, dice una ricerca McKinsey: i vantaggi e come implementarlo

23 Set 2022

Secondo una ricerca della società di consulenza McKinsey, l’uso delle tecnologie cloud è destinato a diventare sempre più popolare nel mondo delle assicurazioni: gran parte degli assicuratori intervistati, attivi in diversi ambiti, hanno dichiarato di volerne incrementare l’uso nei prossimi cinque anni, e il settore dovrebbe quindi crescere del 32% entro il 2025.

I vantaggi dei sistemi cloud

Tra le tante conseguenze dell’abbandono dei modelli operativi tradizionali a favore della digitalizzazione, l’enorme mole di dati che viene prodotta quotidianamente sta spingendo sempre più aziende ad adottare infrastrutture cloud in cui archiviare le informazioni utili e da cui gestire tutte le principali operazioni.

In questo contesto, la tecnologia cloud porta con sè vantaggi non indifferenti: la conservazione digitale dei dati e l’uso di software collaborativi in modalità cloud permette di avere tutti i documenti sempre sotto controllo e a portata di mano, rende più semplice la condivisione e riduce le possibilità di errore, tutto senza appesantire gli hardware.

Il cloud permette anche di migliorare l’esperienza utente dei clienti, grazie per esempio all’attivazione di nuove funzionalità disponibili su diverse piattaforme, a un miglioramento della velocità generale delle operazioni e a una diversificazione del portfolio tramite servizi integrati.

Secondo McKinsey, i responsabili Business e i CEO del mondo assicurativo dovrebbero quindi guidare la migrazione delle proprie aziende verso il cloud, per approfittare a pieno del potenziale offerto da questa tecnologia. In particolare, la società di consulenza ha isolato due ambiti fondamentali su cui le aziende dovrebbero concentrare gli sforzi: comprendere il reale valore del cloud, e costruire nuove partnership tra i dipartimenti di Business e quelli che gestiscono l’IT, acronimo di information technology, che raggruppa tutte le attività relative alla trasmissione, archiviazione ed elaborazione di dati.

Il potenziale del cloud per le assicurazioni

Oggi molti assicuratori tendono ancora a sottovalutare il reale potenziale dei sistemi cloud, che si può riassumere in due fattori fondamentali. Il primo è lo svecchiamento dei processi operativi che, grazie allo spostamento sul cloud, diventano meno dispendiosi e meno rischiosi. Il secondo elemento da analizzare è invece l’innovazione, che si concentra nell’accelerare lo sviluppo di nuove fonti di entrate.

In particolare, l’innovazione portata dal cloud permette di creare nuove linee prodotti in tempi più rapidi sfruttando, per esempio, metodi avanzati di analisi dei dati o le funzionalità dei dispositivi interconnessi IoT (Internet of Things). In questo modo sarà anche possibile rispondere meglio alle esigenze dei clienti, magari tramite l’uso di chatbot o l’attivazione di strumenti online utilizzabili autonomamente dagli utenti, senza bisogno di ulteriore assistenza.

Altri benefici dell’innovazione in ottica cloud sono la riduzione dei costi, resa possibile dall’adozione di modelli operativi più efficienti e flessibili, e l’accesso a capacità avanzate che in passato richiedevano un grande dispendio di risorse: il machine learning, per esempio, può aiutare a individuare eventuali frodi in modo automatizzato.

Fondamentale per raggiungere questi obiettivi è la presenza di una forte leadership aziendale, che comprenda e agevoli questi processi.

Assicurazioni e cloud, l’integrazione tra business e IT

Secondo McKinsey, la migrazione verso i sistemi cloud porta risultati complessivamente migliori quando le unità aziendali e quelle dell’IT uniscono gli sforzi e lavorano per lo stesso obviettivo.

Fondamente, per esempio, per l’IT è aiutare gli altri dipartimenti aziendali a comprendere come le nuove funzionalità del cloud possono semplificare le loro operazioni quotidiane, in modo da favorire il pieno utilizzo di tutte le tecnologie disponibili. Per esempio, tra le altre cose l’intelligenza artificiale può migliorare l’accuratezza delle previsioni di rischio, un elemento fondamentale per il settore insurance.

Da questo punto di vista, per esempio, sarebbe importante per i dipartimenti IT organizzare sessioni di training specifiche che illustrino come utilizzare le nuove infrastrutture cloud.

Abbracciare ora in questi cambiamenti, evitando di rimanere indietro rispetto ai competitor, è fondamentale per le compagnie assicurative che vogliono continuare a crescere e innovarsi in modo sostenibile.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5