SMART MOBILITY

La mobility tech secondo Air: i dati applicati alla mobilità e l’impatto sulle assicurazioni

Liberare il valore dei dati per la mobilità del futuro. È l’obiettivo di Air, società nata all’interno di un’agenzia assicurativa all’insegna del mobility tech. Le applicazioni per i privati e per le aziende

19 Lug 2022

Laura Loguercio

Un’azienda innovativa pensata per rivoluzionare l’esperienza automobilistica grazie alla “mobily tech”, l’applicazione della data science alla mobilità. Si presenta così Air – Connected Mobility, società fondata nel 2014 che oggi offre un’ampia gamma di servizi pensati per guidatori privati, flotte commerciali e operatori della pubblica amministrazione.

Tra questi, troviamo anche polizze assicurative digitalizzate e personalizzabili, che strizzano l’occhio al mondo insurtech.

Air e mobility tech: la tecnologia al servizio della mobilità

Air – Connected Mobility nasce nell’orbita del Gruppo Valandro di Vigevano, un’agenzia assicurativa specializzata nei settori delle aziende, delle malattie, degli infortuni e dell’automotive. Una startup interna, quindi, fondata da Igor Valandro, attuale direttore esecutivo del Gruppo, con l’obiettivo di offrire una visione end-to-end dei dati di guida e migliorare la mobilità su ruote per renderla più sicura, efficiente e rispettosa di cittadini e ambiente. “Insieme vogliamo liberare il valore dei dati per la mobilità del futuro”, afferma infatti il founder e CEO Valandro.

Per farlo, Air punta sulla tecnologia e sul concetto di mobily tech, ossia l’analisi continua e intelligente dei dati legati alle abitudini di guida dei conducenti, in modo da offrire una guida sempre connessa e sicura grazie a servizi come, tra gli altri, la localizzazione satellitare, consigli riguardo ai percorsi migliori da seguire e indicazioni sullo stato e sull’efficienza dei veicoli registrati.

Dai servizi per la mobilità all’insurance

Grazie alla sua flessibilità e all’uso di nuovi sistemi, Air ha sviluppato diversi servizi pensati per rispondere alle esigenze degli utenti privati, delle aziende che gestiscono flotte commerciali e del mondo della pubblica amministrazione.

Con MyApp e MyFleet, per esempio, gli utenti privati o gli amministratori di flotte commerciali possono tenere sempre sotto controllo i propri veicoli e monitorarne lo stato di salute. MyPrice, invece, è un’applicazione web che facilita il processo decisionale del team di pricing grazie a un set di dati di mercato sempre aggiornato, che permette di quotare le auto in modo veloce e intuitivo. Il settore della pubblica amministrazione può invece usufruire di MyGov, l’app pensata per gestire in modo intelligente le risorse delle smart cities e organizzare al meglio i flussi urbani.

Per quanto riguarda l’ambito assicurativo, Air è entrata nel mondo insurtech grazie a MyInsurance, un servizio dedicato che offre polizze digitalizzate e personalizzabili.

MyInsurance e DataLab: l’impegno insurtech di Air

Con MyInsurance, Air offre prodotti per l’assicurazione auto “tailor-made”, quindi completamente personalizzabili in base alle esigente dei clienti. Il servizio, dedicato per ora ai clienti privati, permette infatti di usufruire di consulenze private per creare il proprio pacchetto assicurativo.

Tutte le polizze proposte da Air sono digitalizzate e basate sulla data science e sull’utilizzo di dispositivi interconnessi, grazie ai quali è possibile rilevare e analizzare i dati di guidatori e veicoli.

Air ha inoltre avviato una partnership con il broker assicurativo Fit2You, parte del gruppo Valandro, per dare vita al DataLab, una piattaforma integrata per la raccolta e l’elaborazione di dati automotive. Tra le sue varie potenzialità, il DataLab aiuta gli operatori del settore insurance a sviluppare micro-prodotti per il mondo Finance & Insurance (F&I) che mirano alla fidelizzazione del cliente. Per esempio, l’analisi avanzata dei dati permette di calcolare il rischio in base alle abitudini di guida di ogni utente, offrendo così prodotti personalizzati e adatti alle esigenze individuali.

Il risultato? “Una visione a 360 gradi” del mondo F&I, che permette di “offrire maggiore controllo e governance ai partner assicuratori e tariffe migliori agli automobilisti, aprendo anche nuovi scenari di business per i dealer”, affermano Air e Fit2You.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Laura Loguercio

Lavoro nel desk video di un'agenzia stampa a Milano. Primo ho studiato Filosofia, poi ho scoperto il mondo del digitale. Scrivo di società, ma con un occhio per l’innovazione.


Argomenti


Canali

Articolo 1 di 5