Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

UK, arriva la prima polizza per le driverless car

Nel Regno Unito la compagnia Adrian Flux annuncia una copertura pensata per i veicoli che hanno già funzionalità di guida autonoma. C’è chi pensa che sia solo una trovata di marketing che, però, serve a posizionarsi su un segmento di mercato destinato a crescere

13 Giu 2016

L’arrivo dell’auto senza conducente è una certezza, ma il suo cammino per essere una realtà presenta ancora molte incognite, tra quelle di tipo regolatorio vi è anche l’aspetto assicurativo.

Ma in UK, dove anche il Governo del Paese sta prendendo fortemente posizione per incentivare l’adozione di questo tipo di veicoli, le assicurazioni si portano avanti.

E’ di questi giorni l’annuncio della compagnia Adrian Flux (600 mila clienti) di una polizza pensata per la copertura assicurativa di quelle auto che già oggi sono in circolazione e che possiedono caratteristiche di guida autonoma, per esempio possono parcheggiarsi da sole, vedi la Tesla e alcuni modelli di Nissan.

Una polizza che seguirà e si adatterà all’evolversi del mercato driverless car.

Secondo quanto riporta The Guardian, Gerry Bucke, il direttore generale di Adrian Flux, ha dichiarato: “Siamo consapevoli di essere il primo tipo di polizza di questo genere nel Regno Unito – e forse il mondo … Più della metà delle nuove auto vendute lo scorso anno era caratterizzato da tecnologie di sicurezza autonoma, come ad esempio l’auto-parcheggio o i sistemi di frenatura antibloccaggio ABS, che di fatto prendono il controllo o decisioni per conto del driver. E siamo solo all’inizio dei questo tipo di tecnologie. La tecnologia driverless diventerà sempre più comune nelle nostre auto nei prossimi anni. “

Tuttavia, l’annuncio di questa “polizza” non sembra aver convinto tutti: un opinionista della rivista “Insurance Networking News” sembra quasi propendere più per l’idea che si tratti semplicemente di una bella trovata “marketing” piuttosto che di una reale innovazione nel prodotto assicurativo.

Articolo 1 di 4