Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

Insurtech, 3 errori fatali per le startup

Le giovani aziende usano la tecnologia per rivoluzionare il settore assicurativo e attirare clienti con esperienza di acquisto semplice, polizze low-cost, gestione dei claim veloce. Ma i loro modelli saranno sostenibili sul lungo periodo? Lo scetticismo arriva proprio da una startup

03 Apr 2018

Le startup insurtech sono disruptive e sono una minaccia per le Compagnie tradizionali. E’ questo il messaggio che ha accompagnato l’emergere di un nuovo settore che, facendo leva sulle tecnologie, riesce a proporre nuove offerte assicurative e cavalca nuovi modelli di business. Esperienza di acquisto semplificata, gestione dei processi veloce e trasparente, costi bassi, rappresentano la ‘value proposition’ delle giovani realtà che irrompono in ambito assicurativo, un’industria vecchia qualche centianio di anni e poco digitalizzata, gestita da lungo tempo nello stesso modo, in modo poco innovativo. Ma al di là del fatto che di un cambiamento e di digital transformation ci fosse bisogno, queste startup di cui ora si parla tanto, reggeranno sul lungo periodo? i loro modelli di business sono sostenibili nel tempo? E’ un tipo di scetticismo che serpeggia tra i veterani delle assicurazioni e a cui Richard L. McCathron, Head of Insurance presso Hippo, una delle startup statunitense che maggiormente si stanno distinguendo nel panorama insurtech (ne abbiamo parlato qui), ha provato a rispondere. Il professionista ha un passato lavorativo in Compagnie tradizionali e possiede pertanto un’elevata conoscenza del settore che lo porta a dire, in estrema sintesi, ‘l’insurtech è un bene, ma andiamoci cauti col dire che stanno soppiantando le Compagnie tradizionali’. In particolare, secondo McCathron, che ha pubblicato il suo punto di vista nel sito internet IIReporter , le startup insurtech stanno commettendo almento tre errori.

“E’ importante ricordare – dice – che InsurTech deriva da due parole: assicurazione e tecnologia. Dovrebbe esserci maggiore enfasi (se non più) sui sottoscrittori (cioè sulle assicurazioni) rispetto alla tecnologia. Senza un equilibrio equo, non si potranno fornire prodotti fattibili ed efficaci”.

L’esperto ha individuato almeno tre errori assicurativi che òle startup insurtech non dovrebbero fare se vogliono sopravvivere in un ambiente dominato da realtà globali enormi, con radici profonde, brand riconosciuti.

Scarse informazioni alla sottoscrizione

Nel settore assicurativo, il processo di onboarding tradizionale ha bisogno di miglioramenti. È stato inefficiente e confuso per troppo tempo, poco trasparente e con voci di rischio spesso poco sensate che hanno il solo scopo di aumentare il premio. Nel tentativo di semplificare i processi per fornire preventivi e impegnare il cliente, le aziende insurtech spesso eliminano le domande di sottoscrizione necessarie per valutare correttamente i potenziali rischi. Di conseguenza, le nuove imprese non ottengono i dati di cui hanno bisogno. Esistono soluzioni tecniche e grandi fonti di dati che possono ridurre l’attrito fornendo una copertura completa, ma molte aziende non le stanno utilizzando.

Prezzi bassi

Automatizzare i processi è un modo per ridurre i costi. Ma a lungo termine, i nuovi fornitori non potranno andare avanti facendo pagare metà (e talvolta meno della metà) di quello che gli assicuratori tradizionali fanno pagare. Le compagnie di insurtech possono contare su costi bassi per attrarre un numero sufficiente di clienti per impressionare gli investitori, ma non si rendono conto che i premi devono essere in grado di fornire profitti a lungo termine e assicurare la redditività delle loro società.

Per la sostenibilità nel tempo servono analisi approfondite delle caratteristiche di rischio individuali al fine di creare un prodotto con un prezzo costante e che possa realisticamente coprire le perdite, altrimenti il pericolo è che ci sia una crescita sproporzionata rispetto al fondo che protegge sia i loro clienti che se stessi.

Il modello di pricing delle compagnie insurtech potrebbe danneggiare i loro stessi clienti. I consumatori saranno portati a cambiare Compagnia al fine di ottenere premi più bassi, ma i prezzi alla fine saliranno per compensare le ipotesi errate fatte quando la massima priorità della società è la ricerca di una crescita superiore. I prezzi bassi possono attirare nuovi clienti, ma non dureranno per sempre. Questo approccio ‘civetta’ crea una base di clienti facile a breve termine, ma potenzialmente infedele in seguito.

Claim automatizzati

Forse il problema prncipale che i clienti (e gli scettici) hanno con le aziende insurtech è il modo in cui gestiscono i claim. Per semplificare questa parte complessa dell’esperienza assicurativa, le aziende hanno creato processi automatizzati e intelligenze artificiali. Ci sono due ragioni per cui questa non è una soluzione praticabile.

Per prima cosa, può portare a un aumento delle frodi. Le liquidazioni per sinistri fatte in sessanta o novanta secondi non lasciano tempo sufficiente per un’adeguata ricerca o valutazione. E poiché un robot, un droide o un’altra macchina non possono essere programmati per identificare alcuni aspetti della frode, questo processo è destinato a essere utilizzato in modo improprio. Imbroglioni e truffatori sanno che dovrebbero evitare di rivendicare perdite ingenti che gli assicuratori hanno più probabilità di verificare. Quindi, invece, riportano piccole perdite. Un numero crescente di casi di frodi non solo crea problemi agli assicuratori, ma riduce anche il rapporto di perdita e fa aumentare i premi per tutti i clienti.

L’automazione del processo di reclamo elimina anche l’interazione umana. ‘Per me e i miei colleghi, che lavoriamo nelle assicurazioni casa – dice McCathron – e proteggiamo il più grande investimento fatto dalla maggior parte degli americani, questa è una supervisione importante. Quando la tua casa è appena bruciata o i tuoi cimeli di famiglia sono stati rubati, non vuoi parlare con un computer che ti chiede di premere numeri diversi. A seguito di una tragedia o un’esperienza traumatica, i clienti hanno bisogno di un processo di reclamo che li aiuti a stabilire se siano al sicuro e se c’è qualcosa che può essere fatto per aiutarli.

Con costi generali più bassi e politiche più accurate rispetto ai piani assicurativi tradizionali, le aziende insurtech hanno l’opportunità di diventare partner proattivi delle Compagnie tradizionali. – conclude l’esperto – Sono in grado in grado di fornire prodotti e servizi che gli assicuratori tradizionali non erano in grado di offrire in passato, come i sistemi che utilizzano i dati per identificare quali clienti sono in pericolo quando si verificano catastrofi naturali. Un rapporto a due vie con gli assicuratori incoraggerà la fedeltà dei clienti e lascerà i titolari delle polizze sentirsi meglio protetti.”

(leggi l’articolo originale qui)

Articolo 1 di 5