Ecommerce 2020: crollano i servizi, ma le assicurazioni in controtendenza

Sale del 6% il settore assicurazioni negli acquisti online, in contrasto con il crollo del 47% della categoria servizi. “Significa che in un solo anno abbiamo avuto un salto evolutivo che generalmente ottenevamo in almeno 2 anni” dice il Direttore dell’Osservatorio eCommerce B2c. Ecco i dati

21 Ott 2020

Con la pandemia sono saliti gli acquisti online di beni (+31%) e calati quelli di servizi (- 47%), ma il settore insurance è controtendenza con un +6%. Sono i dati del 2020 rilevati dell’Osservatorio eCommerce B2c, giunto quest’anno alla ventunesima edizione.

La pandemia e il conseguente lockdown hanno creato uno dei cambiamenti più profondi e radicali dell’ecommerce degli ultimi dieci anni: da una parte una crescita più rilevante di sempre degli acquisti online di prodotto (+5,5 miliardi di euro in 12 mesi), dall’altra un crollo dei servizi, che dimezzano il loro valore a causa della crisi che ha colpito, in primis, il settore di Turismo e trasporti.

Tra i settori in crescita per l’ecommerce figurano innanzitutto Food&grocery (+70%), arredamento e home living (+32%), informatica ed elettronica (+20%), abbigliamento (+22%), editoria (+18%), e, sebbene appartenga alla categoria servizi, l’insurance.

Gli acquisti online nelle Assicurazioni, infatti, registrano una crescita del +6% e si assestano su 1,6 miliardi di euro.  Nella sua componente di prodotto, l’incidenza dell’eCommerce B2c sul totale vendite Retail, indice della maturità dell’online, passa dal 6% all’8%. Cresce leggermente anche la penetrazione dei servizi che passa dal 10,7% all’11%.

Significa che in un solo anno abbiamo avuto un salto evolutivo che generalmente ottenevamo in almeno 2 anni” commenta Valentina Pontiggia, Direttore dell’Osservatorio eCommerce B2c, “Mai come quest’anno, l’eCommerce ha svolto un ruolo determinante nella riprogettazione delle strategie di vendita e di interazione con i consumatori per fronteggiare la crisi del settore Retail post-pandemia”.

Tutti i dati nell’articolo integrale su Economyup

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5