Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

Internet of Things e Big Data: quale impatto sul settore assicurativo

Giovedì 22 ottobre al Polihub di Milano un workshop BNP Paribas Cardif sui temi della call aperta fino al 10 novembre. Partecipa Thibaut Schlaeppi, Global Head of startup relations & Internet of Things della compagnia

19 Ott 2015

Dall’invenzione della ruota in avanti, la tecnologia ha accompagnato l’evoluzione sociale dell’uomo e ne ha determinato gli scatti in avanti. Negli ultimi 20 anni l’economia, la società, la comunicazione, le abitudini personali di ogni singolo individuo sono stati rivoluzionati dall’arrivo dei personal computer, di internet, dei dispositivi mobili, dei social media.

Le tecnologie digitali hanno ritmi esponenziali, e il loro impatto sull’economia è stato spesso traumatico. Non per le imprese native digitali, naturalmente; ma per la old economy: accettare, capire e rinnovarsi attraverso il digitale non è un’operazione semplice e indolore. E adesso che tutte le imprese, grandi e piccole, in ogni settore, hanno capito e sanno sfruttare il digitale, ecco che arrivano altre rivoluzioni figlie dei bit: l’Internet degli Oggetti e i Big Data.

Due ambiti diversi ma connessi, che presi in combinazione diventano una sorta di super potere. L’Internet degli oggetti (IoT) sposta completamente il baricentro delle tecnologie digitali dall’uomo alla macchina: nella IoT la comunicazione è machine-to-machine e in questo rapporto (benchè asservito alle esigenze delle persone) l’essere umano diventa un elemento tecnologicamente irrilevante. Gli oggetti della nostra quotidianità, all’interno delle nostre città e delle nostre case parlano tra loro e spesso parlano di noi, pensiamo al ruolo dei wearable. Queste comunicazioni generano un’immensa quantità di dati, spesso riutilizzata dalle stesse macchine in tempo reale per assolvere al meglio la propria funzione; spesso accumulata per essere analizzata. Molti dati rimangono semplicemente archiviati.

Per il mondo insurance big data e internet degli oggetti sono gli spazi all’interno dei quali costruire il futuro, per offrire servizi customer centered anzichè product centered.

Di questo futuro possibile si parla giovedì 22 ottobre a Milano, nel workshop “Internet of Things e Big Data: quale impatto sul settore assicurativo” promosso da Bnp Paribas Cardif in collaborazione con Polihub, l’incubatore del Politecnico di Milano. Un evento in cui Bnp Paribas Cardif inquadrerà la propria esperienza e la propria evoluzione come organizzazione, come servizi e come cultura aziendale. Keynote speaker sarà Thibaut Schlaeppi, Global Head of startup relations & Internet-of-Things, BNP Paribas Cardif, che parlerà sopratutto del binomio innovazione e startup.

Il workshop si inserisce nelle attività della seconda edizione di Cardif Open-F@b, una Call4Ideas permanente (qui la pagina per l’application) aperta nella presente edizione a team e startup che includeranno nei loro progetti proprio l’Internet of Things e/o i Big Data. La Call è “contenuta” all’interno del portale InsuranceUp, il primo in Italia dedicato all’innovazione nel settore assicurativo, (realizzato da EconomyUp in collaborazione con BNP Paribas Cardif e Polihub) che vuole essere la risorsa online di natura editoriale per conoscere (e capire) la disruption in atto nel settore assicurativo.

Per portare un esempio concreto del meccanismo che attraverso la Call4Ideas porta l’assicurazione a innovare nei propri servizi, è possibile fare riferimento a quanto è avvenuto lo scorso anno, quando la Call ha premiato, tra gli altri, Driver2Home (D2H), una giovanissima startup, e Sinapsi, una società tecnologica che ha sviluppato una soluzione innovativa chiamata Pet Fit.

Driver2Home è un’applicazione mobile che permette alla persona che non è più in grado (per esempio, se è in stato di ebbrezza) di tornare a casa con la propria auto, di trovare (attraverso l’app) un autista sostitutivo che guidi al posto suo. L’applicazione è un servizio on-demand (stile Uber) di cui Cardif sta seguendo l’ulteriore sviluppo, nell’ottica di utilizzarlo in abbinamento a un’assicurazione auto.

Pet Fit, invece, è una tecnologia hardware e software dedicata al mondo degli animali domestici che permette di tenere sempre sotto controllo e monitorato il proprio “pet”, geo-localizzarlo, tracciarne lo stato di salute e le attività, ricordare al proprietario le necessità dell’animale. Una sorta di wearable per animali, che potrà rappresentare il punto di partenza per formulare nuove proposte assicurative.

La Call di quest’anno ha il focus su Internet of Things e Big Data, particolare attenzione sarà rivolta naturalmente a quei progetti che presentano soluzioni innovative dedicate al settore assicurativo.

I progetti iscritti alla Call4Ideas verranno valutati da un comitato costituito da esperti universitari ed executive di Cardif. Le proposte dovranno pervenire entro il 10 novembre, le più interessanti (finaliste) saranno invitate a partecipare a una prima giornata a porte chiuse che, attraverso incontri one-to-one con i manager di Cardif ed esperti universitari, mira ad approfondire la conoscenza dei progetti finalisti e a supportare i team imprenditoriali nello sviluppo della propria idea di business (27 novembre 2015); una seconda giornata in cui i finalisti presenteranno le proprie proposte durante una conferenza aperta al pubblico (3 dicembre 2015).

Il form per candidare il proprio progetto e il regolamento di partecipazione sono a questo indirizzo.

Qui di seguito il programma del workshop in programma a Milano, presso la Sala Arena di Polihub – l’incubatore del Politecnico di Milano (Via Giovanni Durando, 39, 20158 Milano) con la presenza del management Cardif coinvolto nelle attività di R&D, rappresentati del Polihub e alcune startup di successo che operano nel settore dati.

17.00_ Registrazione
17.15_ Introduce e modera
Giovanni Iozzia, direttore EconomyUp

17.30_ Innovazione e startup – Thibaut Schlaeppi
Global Head of startup relations & Internet-of-Things, BNP Paribas Cardif

18.00_ Tavola rotonda – L’esperienza di BNP Paribas Cardif OpenF@b – Seconda edizione

Gabriele Antonelli, Presidente, Spaziodati

Mirko Bretto, Co-Founder, Alyt

Giampiero Lotito, Founder & CEO, Facility Live

Simone Macelloni, Head of R&D, BNP Paribas Cardif

Stefano Mainetti, Chief Executive Officer, PoliHub

Cosimo Palmisano, VP of Product Management, Decisyon

Alessandro Piva, Direttore dell’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence,

Politecnico di Milano

Riccardo Samela, Head of Digital & Communication, BNP Paribas Cardif

18.45_ Presentazione dello stato di avanzamento della Call4ideas BNP Paribas Cardif Open F@b

19.00_ Aperitivo di networking

Articolo 1 di 5