Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

World Insurance Report 2017, a che punto è l’innovazione nelle assicurazioni

Lo studio annuale di Capgemini-Efma mette in evidenza come le compagnie abbiano intrapreso percorsi di digital transformation, anche collaborando con le startup. Tra i casi citati anche Open-F@b, la call for ideas di BNP Paribas Cardif

21 Set 2017

Le assicurazioni sono a un punto di svolta, dice Capgemini nella sua introduzione al nuovo World Insurance Report 2017. La tecnologia sta rivoluzionando ogni aspetto della industry assicurativa, cambiando le dinamiche di mercato e i modelli di business. E contestualmente si stanno evolvendo sempre più i bisogni e le aspettative dei consumatori nei confronti dell’offerta assicurativa.

Il digitale, infatti, è diventato parte integrante della customer experience, specialmente tra i più giovani, la Generazione Y e i “tech-savvy”, che richiedono maggiore flessibilità, convenienza e personalizzazione delle soluzioni assicurative. La soddisfazione dei nuovi bisogni è da un lato ambita dalle grandi compagnie, dall’altro già corrisponde alla value proposition delle insurtech emergenti, società nativamente digitali, che ancora lasciano perplessi i consumatori quando si va a toccare il tasto della ‘fiducia’. Sul tema ‘trust’ rimangono ancora in vantaggio le grandi compagnie.

Da qui nasce la collaborazione tra compagnie tradizionali e insurtech, che hanno bisogno le une delle altre, e nasce la necessità di una strategia più mirata da parte delle società tradizionali che consenta di introdurre innovazione e soddisfare la clientela sempre più esigente senza perdere di vista gli obiettivi di business.

Nel video qui sotto una sintesi delle evidenze del report.

Le forme di attuale collaborazione tra compagnie e insurtech sono alquanto variegate: partnership strategiche, acquisizioni, investimenti di venture capital, incubatori. Alcune di queste sono già diventate degli esempi di scuola: il report cita tra gli altri i casi di AIA (in Asia), che ha creato un programma di accelerazione; di Aviva, che ha lanciato 3 Digital Garages (Londra, Toronto e Singapore); di BNP Paribas Cardif con il suo modello di open innovation focalizzato in Italia sulla Open-F@b Call4Ideas; di MetLife che a Singapore ha realizzato LumenLab, il suo innovation center.

Questa decima edizione del World Insurance Report – qui l’edizione del 2016 – si basa su interviste con 103 senior executive di compagnie assicurative e oltre 8.000 clienti di 21 mercati tra Nord America, Europa, America Latina e Asia-Pacifico.

Qui di seguito un’infografica di sintesi.

Articolo 1 di 5