Betterview, l’insurtech americana che riduce i rischi per gli assicuratori immobiliari

Dal 2014 la startup insurtech Betterview si pone l’obiettivo di ispezionare gli immobili tramite la tecnolgia per analizzarne i rischi e aiutare gli assicuratori a prendere decisioni realmente basate sui dati. Ecco come funziona la sua piattaforma

05 Set 2022

In una situazione di diffusa incertezza, causata anche dalla fine della pandemia di Covid-19 e dall’aumento dei danni causati da catastrofi naturali, per le compagnie assicurative attive nel ramo immobiliare è sempre più importante conoscere nel dettaglio le proprietà a cui offrono i propri servizi, in modo da mitigare i rischi e prevenire i danni.

Dal 2014, la startup insurtech Betterview, attiva negli Stati Uniti, si pone proprio questo obiettivo: ecco dove nasce e come funziona la sua piattaforma digitalizzata.

La storia di Betterview

Betterview è stata fondata nel 2014, da David Lyman, attuale CEO, e David Tobias, che invece opera come Chief Operations Officer (COO). Un team complementare: mentre Lyman aveva già accumulato esperienza come founder, consulente e investitore in altre startup, Tobias poteva contare su un forte background di conoscenze nel settore delle assicurazioni per la casa e delle ispezioni immobiliari.

Oggi, la startup collabora con le compagnie assicurative attive in ambito immobiliare e danni e infortuni (Property & Casualty, P&C) per effettuare ispezioni e studi estremamente dettagliati degli immobili, in modo da fornire tutti i dati necessari per prendere le decisioni giuste, minimizzare i rischi, ridurre i costi e di conseguenza imporsi sui competitor.

Per operare, Betterwiev punta sulla tecnologia. La sua Property Intelligence Platform, completamente digitalizzata, mette a disposizione dei clienti un’ampia serie di dati e li interpreta grazie all’uso del machine learning, restituendo quindi una serie di insight immediatamente comprensibili e applicabili alle situazioni concrete che gli assicuratori sono chiamati a gestire ogni giorno.

In otto anni di attività, la startup ha raccolto 15,6 milioni di dollari in nove round di investimenti, l’ultimo dei quali è stato chiuso a giugno 2020 per 7,5 milioni. La startup collabora con partner di primo piano, come il gruppo Nationwide, Maiden RE e MMG Insurance.

Come funziona la piattaforma

Sfruttando anche i droni e le analisi geospaziali, la piattaforma di Betterview è in grado di analizzare i rischi a cui un particolare immobile potrebbe essere esposto. In base ai risultati dell’ispezione, a ogni edificio viene assegnato un punteggio da 0 a 100, che identifica il suo “stato di salute” e aiuta quindi gli assicuratori a prendere decisioni realmente basate sui dati.

Le potenzialità non si fermano qui: anche dopo l’analisi iniziale, i sistemi di Betterview continuano a monitorare lo stato di una proprietà, in modo da individuare i cambiamenti e prevenire possibili danni.

Betterview ha inoltre attivato strumenti specifici pensati per prevenire e gestire al meglio i danni causati dalle catastrofi naturali, come gli incendi o gli uragani. Inoltre, il CAT Response System aiuta gli assicuratori a valutare i danni in modo rapido ed efficace, per intervenire in tempi brevi e concentrarsi sugli immobili più problematici.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5