Bridge Insurance Services, il broker italiano per le polizze digitalizzate che ha lanciato viteSicure

Fondato nel 2012 da soci con più di 25 anni di esperienza nel mondo assicurativo, nel 2019 Bridge Insurance Services ha lanciato il proprio marchio, viteSicure, per offrire polizze vita completamente digitalizzate. Ecco come funziona

02 Ago 2022

Tra i protagonisti più longevi nel panorama insurtech italiano troviamo Bridge Insurance Services, un broker Retail attivo dal 2012 che negli anni ha sviluppato servizi innovativi per privati, professionisti e aziende.

Fondato da soci con più di 25 anni di esperienza nel mondo assicurativo, nel 2019 la società ha lanciato il proprio marchio, viteSicure, per offrire polizze vita completamente digitalizzate.

Ecco come funzionano i suoi prodotti.

La storia e la missione di Bridge Insurance Services

Bridge Insurance Services (Bis) nasce dieci anni fa da un’idea di Eleonora Del Vento, attuale presidente e Amministratore delegato con oltre vent’anni di esperienza nel mercato assicurativo italiano e internazionale, e Alessandro Turra, già Direttore Marketing per Royal Insurance e consulente per diverse aziende del settore.

Basata a Milano, Bridge Insurance Services si presenta come un broker Retail che offre servizi per diverse tipologie di clienti, dai privati ai professionisti e alle aziende. La missione della compagnia, infatti, è quella di assistere i suoi clienti nella scelta della soluzione assicurativa più adatta alle rispettive esigenze, usando tecnologie avanzate che massimizzano la qualità del servizio in termini di copertura, protezione e capacità di spesa.

I prodotti assicurativi per privati, professionisti e aziende

Per i privati, in particolare, la compagnia offre proposte assicurative per auto e altri veicoli, infortuni, salute, casa e famiglia e anche l’assicurazione vita. L’obiettivo, in questo caso, è aiutare i singoli individui o le famiglie a trasferire i rischi che possono danneggiare la stabilità economica, e garantire quindi maggiore serenità nella vita quotidiana.

Per i professionisti, invece, il portfolio di Bis include polizze che coprono la responsabilità civile professionale, gli infortuni sul lavoro, la salute e i beni aziendali, aiutando quindi le attività commerciali a mettersi al riparo contro rischi imprevedibili o insostenibili.

Infine, Bis offre anche prodotti specifici per le aziende, pensati per proteggere l’equilibrio finanziario e la redditività da eventi dannosi e imprevisti. Tra questi troviamo polizze per i beni aziendali, soluzioni finanziarie per investimenti con rendimenti certi, e prodotti per la tutela del personale.

Bridge Insurance Services, il lancio di ViteSicure

A fine 2019, Bridge Insurance Services ha lanciato il marchio ViteSicure, una piattaforma digitale specializzata in polizze vita innovative e semplici da sottoscrivere. Fondato dagli stessi ideatori di Bis, Eleonora Del Vento e Alessandro Turra, tra gli azionisti di ViteSicure troviamo anche grandi gruppi insurance, come il Reinsurance Group of America (RGA) e Reale Mutua.

Appoggiandosi anche alla tecnologia di SquareLife e NetInsurance, in particolare, la startup offre prodotti di diverse compagnie, che i clienti possono sottoscrivere in modo completamente digitale in appena tre minuti. Anche il pagamento è semplificato, con rate di premio che rimangono fisse per tutta la durata della polizza, indipendentemente dall’età o dallo stato di salute del cliente.

Dal 2019 a oggi ViteSicure ha raccolto investimenti per 1,6 milioni di euro, suddivisi soprattutto in due seed round chiusi rispettivamente a dicembre 2020 (90 mila euro) e febbraio 2022 (1,1 milioni di euro).

Assicurazioni Online, Digital Magics entra nel capitale di viteSicure: ecco cosa fa

Nel 2021, la startup è stata premiata come “Migliore collaborazione Compagnia Startup” agli Italian Insurtech Awards.

Tra le altre cose, ViteSicure è impegnata anche nel sociale: con il programma “Polizza sospesa”, ogni mese la compagnia utiliza parte delle proprie provvigioni per pagare le coperture a sei famiglie in difficoltà economica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5