Demex, l’insurtech nato in pandemia che guarda al futuro del clima - InsuranceUp

Demex, l’insurtech nato in pandemia che guarda al futuro del clima

Demex Group sfrutta l’analisi avanzata dei dati per calcolare i rischi legati ai fenomeni atmosferici e aiutare i clienti a creare servizi assicurativi appropriati. Ha ottenuto a dicembre 2021 un round da 9 milioni di dollari

06 Dic 2021
Photo by USGS on Unsplash

Le conseguenze del cambiamento climatico, ormai innegabili, colpiscono ogni giorno migliaia di persone in tutto il mondo, e le tradizionali polizze assicurative non sempre rispondono alle nuove necessità dei clienti.

Negli ultimi anni una serie di startup insurtech si sono attivate per risolvere il problema, mettendo a punto sistemi innovativi grazie ai quali è possibile prevedere le condizioni climatiche e studiare di conseguenza le polizze migliori per rispondere ai problemi del nostro tempo.

Demex Group è tra queste: la startup di Washington, D.C., sfrutta l’analisi avanzata dei dati per calcolare i rischi legati ai fenomeni atmosferici e aiutare i clienti a creare servizi assicurativi appropriati. L’idea funziona, e a inizio dicembre 2021 la compagnia ha chiuso un round di investimenti di Serie A raccogliendo 9 milioni di dollari. Ecco come funzionano i suoi servizi.

The Demex Group: l’assicurazione per il clima

The Demex Group – un’abbreviazione per data empowered parametrix – è stato fondato nel 2020 a Washington D.C. da Edward Byrns, attuale CEO e presidente. La compagnia collabora con diversi partner le cui attività commerciali sono particolarmente esposte egli effetti, sia fisici che economici, del cambiamento climatico.

La startup gestisce il Demex Climate Resilience Center, una piattaforma interattiva tramite la quale è possibile conoscere gratuitamente l’andamento e le tendenze climatiche in corso nelle diverse regioni globali e calcolare il proprio “Demex Climate Indicator”, un indice di rischio basato su “centinaia di milioni di data points” che individuano non solo la situazione climatica di una determinata zona e la sua variabilità, ma anche l’impatto che questi fattori potrebbero avere sulle attività commerciali locali.

Sulla base di queste valutazioni, poi, Demex Group collabora con i clienti per creare le polizze migliori per le esigenze individuali. Ma l’offerta della compagnia non si ferma al suo ecosistema end-to-end: il gruppo collabora infatti anche con agenti assicurativi esterni, permettendo loro di integrare le sue analisi climatiche all’interno di prodotti già esistenti.

Per operare Demex Group utilizza una serie di strumenti all’avanguardia, dai big data al cloud computing fino al machine learning e alla blockchain, grazie ai quali è in grado di fornire analisi dettagliate e precise per ogni località. I suoi servizi sono quindi completamente personalizzati e pensati per riflettere la situazione di ogni singolo cliente.

Il round di dicembre 2021

Il 2 dicembre 2021 Demex Group ha raccolto 9 milioni di dollari con un round di investimenti di Serie A guidato da Anthemis Group, Blue Bear Capital e QBE Ventures.

“I proprietari immobiliari, gli inquilini e i manager vengono generalmente dimenticati dai marketplace emergenti per i rischi climatici, che si concentrano soprattutto sui settori dell’agricoltura e dell’energia” ha spiegato il Ceo Ed Byrns, aggiungendo: “I recenti passi avanti nel cloud computing, nei big data e nella blockchain ci hanno permesso di offrire una piattaforma semplice, sicura e scalabile studiata appositamente per la resilienza climatica”.

I servizi di Demex Group rispondono alla necessità del nostro tempo: secondo l’Amministrazione nazionale per gli oceani e l’atmosfera, un’agenzia federale americana, negli Stati Uniti nei primi sei mesi del 2021 si sono verificati 18 disastri climatici e metereologici che hanno causato danni per più di un miliardo di dollari. Nel 2020, gli eventi di questo tipo sono stati 22.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4