SquareLife, l’insurtech nata in Liechtenstein per le assicurazioni digitali

Basati su una storica piattaforma svizzera, SquareLife offre prodotti assicurativi completamente digitalizzati e personalizzabili in base alle esigenze dei clienti. E’ presente in 12 paesi, tra cui l’Italia, e ci sono nomi italiani anche nel suo team internazionale

02 Mag 2022

Il panorama insurtech europeo è in costante crescita e in continua evoluzione. Un attore che sta raggiungendo risultati interessanti è SquareLife AG, compagnia innovativa per assicurazioni digitali basata in Liechtenstein, ma attiva in 12 Paesi in tutta Europa, tra cui l’Italia.

Ecco come funziona e quali i suoi traguardi.

SquareLife: dal Liechtenstein all’Europa

SquareLife AG nasce nel 2013 a Ruggell, uno dei comuni del principato del Liechtenstein, tra Austria e Svizzera. Le origini della startup però vanno ancora più indietro nel tempo: i suoi servizi sono infatti basati sulla piattaforma svizzera di Lifeware, che dal 1998 offre tecnologie e infrastrutture digitali pensate per il settore delle assicurazioni a vita, e anche oggi le attività di SquareLife sono strettamente legate a Lifeware.

In meno di dieci anni, SquareLife è cresciuta notevolmente: oggi offre 50 prodotti assicurativi in 12 Paesi, collabora con 15 partner indipendenti e i suoi sistemi sottoscrivono 100 polizze al giorno. Nel suo team internazionale, inoltre, spiccano anche due italiani: Alessandro Tulli, Chief Business Development Officer (CBDO) – che è anche Managing Director a Lifeware – e Marcello Arnoldi, Business Developer per le attività europee.

Le polizze sulla vita completamente digitali di SquareLife

La compagnia offre prodotti assicurativi completamente digitalizzati nel settore vita e ricchezza privata. Le assicurazioni sulla vita, pensate in particolare per individui e famiglie, sono basate su innovazione, trasparenza, semplicità ed empatia. SquareLife rimuove infatti tutti i documenti e i passaggi non necessari, in modo da rendere le operazioni di sottoscrizione e gestione delle polizze più rapidi e lineari, senza clausole nascoste, e offre servizi facilmente adattabili alle esigenze di ogni cliente.

Le coperture sulla vita “private wealth”, quindi focalizzate sulla ricchezza privata, sono studiate per clienti che intendono proteggere anche il patrimonio e gli assett finanziari. Questi prodotti puntano su un’impostazione tailor-made, quindi completamente personalizzabile e studiata su misura per ogni cliente. Grazie alle capacità assicurative e riassicurative consolidate negli anni, i servizi di SquareLife sono estremamente sicuri e adatti anche a clienti internazionali con situazioni e richieste fuori dagli schemi tradizionali.

Infine, i partner esterni interessati possono collaborare con SquareLife per sfruttare la sua piattaforma digitale e creare prodotti assicurativi digitali, anche in modalità white-label, pensati appositamente per le esigenze dei rispettivi clienti.

I risultati del 2021

Nonostante la pandemia di Covid-19, SquareLife ha chiuso il 2021 con profitti per 500 mila franchi svizzeri, che corrispondono a circa 480 mila euro, segnando così il terzo anno consecutivo chiuso con segno positivo.

Al 31 dicembre il portfolio segnava una crescita del 28,7% rispetto all’anno precedente, continuando quindi il trend positivo avviato dal 2015. Le richieste di compensazione sono state circa mille, un numero in linea con quanto registrato nel 2020.

La compagnia ha sottoscritto premi per 11,8 milio di franchi, tra cui 6 milioni in Germania, 2 milioni nel Regno Unito, e 1,6 milioni nei Paesi Bassi. In Italia la compagnia ha sottoscritto premi per circa 724 mila franchi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5