Un milione di euro per Lokky, il broker digitale per micro-imprese e partite iva

L’insurtech italiana si è focalizzata sul cliente ‘PMI’, offrendogli la polizza più rilevante per i suoi bisogni e una piena personalizzazione, grazie a un algoritmo proprietario. “Abbiamo individuato un segmento di mercato non presidiato e costruito la nostra offerta” dice Paolo Tanfoglio, CEO e cofondatore della società

06 Ott 2020

Siamo i primi, in Italia, a posizionarci come partner assicurativo digitale rivolto a micro imprese, professionisti e freelance. Come spesso accade, Lokky è nata da un’esigenza di mercato che abbiamo vissuto personalmente, soprattutto per la mancanza di soluzioni studiate ad hoc sui veri bisogni del professionista o dell’imprenditore; abbiamo, così, individuato i punti di frizione della customer journey, resa inefficiente, soprattutto dalla scarsa digitalizzazione e targetizzazione dei servizi offerti e, dopo aver individuato un segmento di mercato non presidiato, abbiamo iniziato a costruire la nostra offerta” così Paolo Tanfoglio, CEO e cofondatore di Lokky (insieme a e da Sauro Mostarda), insurtech nata ufficialmente nel 2019 come primo broker assicurativo digitale italiano focalizzato su micro-imprese, professionisti e freelance.
Lokky ha ora annunciato di aver raccolto un nuovo investimento del valore di circa 1 milione di Euro, che fa salire a 1,6 milioni gli euro raccolti finora. Le nuove risorse permetteranno di accelerare la crescita in Italia, potenziare la piattaforma e innovare l’offerta prodotti per essere sempre più vicini alle esigenze dei clienti.
A investire nella società in quest’ultimo round è stato un gruppo di soci di Angels4Impact​, l’associazione di business angel che investono in startup innovative a impatto sociale nata nella scorsa primavera e che già riusnisce circa 60 investitori.
Paolo Tanfoglio, cofondatore e Ceo di Lokky

Cosa fa esattamente Lokky? Grazie all’utilizzo di tecnologie innovative nell’ambito degli Smart Analytics, Machine Learning e Data Enrichment, l’algoritmo proprietario Lokky propone al cliente solo la copertura più rilevante per i suoi bisogni, proponendo una piena personalizzazione dei prodotti disponibili ed il tutto in pochissimi steps dove al cliente non viene richiesta nessuna competenza specifica assicurativa.

Questo funding ci permetterà di accelerare ulteriormente questo processo e l’espansione sul mercato italiano, già intrapresa a inizio 2020. Avere, tra i nostri soci, investitori autorevoli e qualificati conferma la validità della nostra strategia rivolta a rivoluzionare un settore ancora molto tradizionale e frammentato come quello del brokeraggio assicurativo per le piccole realtà imprenditoriali, che sono la spina dorsale del sistema economico italiano. Il Round ci permetterà di supportare le attività di marketing volte ad ampliare la user base, implementare nuovi strumenti e soluzioni personalizzate grazie all’utilizzo di intelligenza artificiale e big data e consolidare il nostro posizionamento anche attraverso partnership con player non finanziari” continua Paolo Tanfoglio, CEO di Lokky.
L’offerta di Lokky copre le esigenze assicurative di più di 200 tipologie di microimprese, professionisti e freelance, con coperture per la responsabilità civile, la responsabilità professionale, la tutela legale, gli infortuni, incendio, furto e ad altri danni.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti


Canali

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 5