Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

Zego, ecco l’insurtech che assicura i lavoratori della gig economy

Polizze ‘pay as you go’ gestibili attraverso un’applicazione mobile sono la proposta di una startup londinese che ha colto un’opportunità di nuovo business nella on-demand economy

18 Ago 2017

A Londra è nata e ha appena raccolto un milione di sterline di investimento, come riporta TechCrunch, una startup insurtech che mira a risolvere un problema che colpisce società come Deliveroo e Uber, due delle principali aziende della on-demand economy che, la prima nel settore delle consegne di pasti a domicilio la seconda nel settore del trasporto di persone, hanno rivoluzionato tra le altre cose anche le modalità di lavoro dei propri collaboratori, che non essendo appunto dei dipendenti ma dei freelance, per i quali spesso si tratta di un secondo lavoro non professionale, si pone tra gli altri anche un problema di tipo assicurativo. Le polizze tradizionali non sono infatti sufficientemente flessibili per i lavoratori della gig economy, le cui prestazioni sono totalmente svincolate dai tradizionali orari; ma soprattutto, nell’esercizio di trasporti e consegne questi lavoratori dovrebbero per legge avere una copertura assicurativa di tipo commerciale, e ciò non sempre accade perchè le assicurazioni di questo tipo sono solitamente costose.

Un problema che ha pensato di risolvere Zego, fondata da ex collaboratori di Deliveroo, attraverso una piattaforma tecnologica volta alla distribuzione di prodotti assicurativi secondo il modello ‘pay as you go‘, vale a dire che le polizze offrono copertura (e quindi sono pagate) solo quando e per quanto serve, cioè nel momento in cui la persona entra effettivamente ‘in servizio’. Il tutto è gestito attraverso un’app mobile, dotata di assistente virtuale, una sorta di broker tecnologico che permette alle persone di individuare la formula più adatta alle loro esigenze. Zego non è una compagnia, quindi si avvale della collaborazione con operatori del settore.

La formula dovrebbe consentire ai ‘gig workers’ di lavorare con la tranquillità della corretta copertura assicurativa, ma in maniera sostenibile per le loro tasche, come ha spiegato uno dei fondatori a BusinessInsider.

Un modello di polizza ‘pay as you go’ è anche quello della insurtech scozzese Cuvva, di cui avevamo parlato qui, destinata sempre al mercato consumer ma per le esigenze dei privati. Zego si distingue per essere indirizzata al mondo consumer ma per esigenze commerciali.

Articolo 1 di 3