Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Powered by

Le auto del futuro, qualcuno le comprerà ancora?

Secondo gli analisti ci vorranno al massimo 5 anni perché l’auto a guida autonoma diventi una realtà diffusa che potrebbe portare al tramonto l’era dell’auto di proprietà. Ma davvero smetteremo di desiderare una nostra auto?

01 Mar 2018

Waymo, spin off di Google è in pole position nella corsa a chi arriverà primo nell’introduzione di driveless car: qualche mese fa ha per la prima volta sperimentato a Phoenix, nello Stato americano dell’Arizona, la circolazione dell’auto che si guida da sola senza nessun accompagnatore ‘umano’ a bordo. Ha già stabilito precisi accordi con Chrysler per la consegna nei prossimi anni di centinaia di minivan che saranno integrati con tecnologia di guida autonoma e costituiranno le flotte di Waymo. Ha già risolto il problema assicurativo grazie alla collaborazione con una startup insurtech.

Insomma, Wyamo è pronta con il suo progetto di mobilità del futuro, o ‘transport as a service’.

E’ questo infatti uno dei concetti che fino a oggi hanno marciato insieme allo sviluppo tecnologico dell’auto a guida autonoma: in un sistema di mobilità che offre il trasporto all’occorrenza, a basso costo, diffusamente, a qualsiasi ora, per quale motivo le persone dovrebbero continuare a spendere tanti soldi e avere tanti disagi per la proprietà dell’auto? Costi di acquisto, assicurazione, manutenzione; problemi sicurezza, parcheggi, traffico, ecc., sono cose da dimenticare con le auto autonome. Immaginiamo di poter pagare un abbonamento annuale che permetta a noi e a tutta la nostra famiglia di viaggiare comodamente in auto sempre: per andare al lavoro, per accompagnare i figli, per fare la spesa, per andare a fare una gita. Un’auto sempre a disposizione, ma a cui non devi badare, che non devi guidare, non devi parcheggiare. Il sogno dei più.

La maggior parte degli esperti concordano sul fatto che l’arrivo della driveless car farà crollare la vendita di auto ai privati.

Per esempio, la società di ricerche di mercato KPMG stima che entro il 2030, le vendite di automobili di medie dimensioni negli Stati Uniti diminuiranno dagli attuali 5,4 milioni di unità vendute ogni anno a circa la metà di quel numero, pari a 2,1 milioni di unità. Un’altra società di ricerche di mercato, ReThinkX, offre una stima ancor più pessimistica, prevedendo che i veicoli autonomi ridurranno la domanda dei consumatori di nuovi veicoli di un enorme 70 percento.

Secondo un recente articolo di SingularityHub, magazine della Singularity University, queste previsioni pessimistiche non solo sono esagerate, ma accadrà esattamente l’opposto.

Il primo motivo è che le flotte di taxi a guida autonoma saranno un fenomeno diffuso, vantaggioso e sostenibile a livello urbano, non saranno certo i milioni di piccoli centri a vedere l’invasione di tali flotte.

Il secondo motivo è molto semplice, apparentemente poco ‘statistico’ ma vero: la maggior parte delle persone preferisce ancora possedere un veicolo privato. Per cui, il numero totale di unità di veicoli per uso privato venduti ogni anno aumenterà piuttosto che diminuire.

Quando si prevede la scomparsa della proprietà delle automobili, si trascura il fatto che la nuova industria di veicoli a guida autonoma non sarà solo una sostituzione dei veicoli di oggi con veicoli senza conducente. Tutt’altro, l’industria automobilistica del futuro venderà quello che potrebbe essere considerato un prodotto completamente nuovo: una grande varietà di robot di trasporto intelligenti e autoguidanti. Saranno mezzi di trasporto ampiamente utilizzati, perchè saranno economici, onnipresenti e versatili.

Tuttavia, differenti caratteristiche dei veicoli autonomi faranno sì che le persone continueranno a comprare le proprie auto.

1. Costo: grazie a motori elettrici più semplici e corpi auto più leggeri, i veicoli autonomi saranno più economici da acquistare e mantenere rispetto ai veicoli guidati da uomini di oggi. Alcune stime portano il prezzo a $ 10K per veicolo, in netto contrasto con la media di oggi di $ 30K per veicolo.

2. Oggetti personali: i consumatori potranno fare molto di più nei loro veicoli senza conducente, inclusi il lavoro, il gioco e il riposo. Ciò significa che vorranno tenere più oggetti personali nelle loro auto.

3. Aggiornamenti frequenti: mediamente oggi un’auto dura circa 10 anni. Poiché le auto senza conducente diventano dispositivi basati su software, il loro rapporto prezzo / prestazioni seguirà la legge di Moore. Il loro rapido miglioramento aumenterà l’attrattiva e la frequenza degli acquisti di nuovi veicoli.

4. Accessibilità immediata: in un contesto urbano denso, un taxi senza conducente è in grado di presentarsi entro pochi minuti dalla convocazione. Ma non così nelle zone rurali, dove le persone vivono a chilometri di distanza. Per molti, il ritardo e la “perdita di controllo” sulla propria mobilità aumenteranno l’attrattiva di possedere il proprio veicolo.

5. Diversità di forma e funzione: i veicoli autonomi saranno disponibili in un’ampia varietà di dimensioni e forme. I consumatori guideranno la domanda di veicoli autonomi costruiti su misura e appositamente progettati, la cui forma è adatta per una particolare funzione.

I veicoli autonomi costeranno meno per diverse ragioni. Prima di tutto, saranno alimentati da motori elettrici, che sono meno costosi da costruire e mantenere rispetto ai motori a benzina. Rimuovere i driver umani farà risparmiare anche ai consumatori. I veicoli autonomi avranno meno probabilità di avere incidenti, quindi potranno essere costruiti con materiali leggeri e a basso costo e saranno meno costosi da assicurare. Con l’interfaccia umana non più necessaria, i veicoli autonomi non saranno appesantiti dai costi di produzione di un cruscotto complesso, volante e pedali.

Mentre i servizi di mobilità autonomi basati su taxi hop-on, hop-off possono essere ideali per una parte della popolazione urbana, molti segmenti di clienti importanti continueranno a voler possedere le proprie auto.

Questi includono persone che vivono in aree rurali scarsamente popolate che non possono permettersi di aspettare lunghi periodi di tempo per la visualizzazione di un taxi. Le famiglie con bambini preferiranno possedere le proprie auto senza conducente per ospitare i seggiolini per auto dei loro figli e i loro giocattoli preferiti. Un altro fedele segmento di acquirenti di auto è quel genere di soggetto che vorrà un modello aggiornato più sexy ogni anno, incapace di resistere al fascino di un’Intelligenza artificiale migliorata, più sicura, o una modalità di guida più dolce.

Infine, consideriamo anche il fascino della diversità robotica.

I pendolari investiranno in un ufficio domestico su ruote, uno spazio di lavoro elegante e itinerante che ricorda la suite di prima classe su un aereo. Nella fascia alta del mercato, gli abitanti delle città e gli abitanti delle campagne richiederanno veicoli autonomi personalizzati su misura, la cui forma e gadget di bordo sono adattati per una particolare funzione o hobby. Le piccole imprese di proprietà privata acquisteranno il loro robot di consegna autonomo che potrebbe variare in dimensioni da piccolissimi a grandissimi.

Il valore esatto di questa futura industria automobilistica deve ancora essere definito, ma la ricerca condotta dalla divisione interna di veicoli autonomi di Intel stima che questa nuova cosiddetta “economia dei passeggeri” potrebbe valere quasi $ 7 trilioni di dollari l’anno. Per posizionarsi e catturare una fetta di questo potenziale introito, le aziende le cui attività commerciali si trovavano in settori fino a oggi piuttosto lontani come la robotica, il software, le navi e l’intrattenimento (per citarne solo alcuni) hanno iniziato a formare una rete sconcertante di ciò che sperano saranno le partnership simbiotiche (qui una bellissima mappa interattiva). Le società di autotrasporto e di chip stanno collaborando con società di noleggio auto, che a loro volta stringono amicizia con gigantesche società di software, che stanno lanciando progetti congiunti con aziende hardware di tutte le dimensioni, e così via.

L’anno scorso, le case automobilistiche hanno venduto circa 80 milioni di nuove auto in tutto il mondo. Nel corso di quasi un secolo, le case automobilistiche e i loro partner, catene globali di rivenditori e fornitori di servizi, sono diventati maestri nella produzione di massa e nel mantenimento di veicoli a guida umana robusti ed economici.

Non appena la tecnologia dei veicoli autonomi sarà pronta per un uso diffuso, le compagnie automobilistiche tradizionali saranno costrette a competere in un nuovo campo di gioco.

La sfida per i costruttori di auto tradizionali non sarà che ‘le persone non vogliono più possedere automobili’. La sfida sarà imparare a competere in una nuova e più grande industria dei trasporti, dove i consumatori sceglieranno il loro prodotto in base all’attrattiva del suo design personalizzato e alla qualità del suo software intelligente.

Articolo 1 di 5